Informazioni personali

La mia foto
Da un pò di anni lascio dietro le copertine del libri che compro e leggo la "mia impressione" ed ho deciso di condividere, con tutti, questa mia passione.
Visualizzazione post con etichetta Narrativa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Narrativa. Mostra tutti i post

giovedì 22 ottobre 2020

Manuel Rios San Martin - L ’Impronta del Male

Manuel Rios San Martin

L’Impronta del Male

 

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni

 Mugnano di Napoli  - 09/10/2020

 

 Ciò che proprio non passa inosservato in questo thriller è la   capacità dell’ autore di scavare nella vita dei personaggi, di far   emergere emozioni e sentimenti sia dei vivi che dei morti infine   allinea tutto ad una location originale e reale, ovvero un sito   preistorico spagnolo, Atapuerca infatti,  che oltre ad essere uno dei   siti archeologici più importanti al mondo, è anche il luogo in cui è   stato commesso il primo omicidio documentato della storia, ed il   Thriller è servito!


Da pagina 74:

<<Anche lei, come me, pensa che la crudeltà sia il prezzo che

abbiamo dovuto pagare per l’ intelligenza?.>>.

 

Il personaggio femminile, ed anche principale, la Capo Ispettrice Silvia Guzmán, è la classica donna con un ruolo importante che vive costantemente nel mondo …. “devo dimostrare di …. “ . Devo dirlo, questo tema di donne forti che devono dimostrare di essere sia belle che intelligenti e capaci mi ha stancato, non è originale; come il “macio”, l’ex poliziotto Daniel Velarde, che diventa “meno macio” e mette in dubbio se stesso dinnanzi alla gran donzella … Basta! Concetti superati … Andiamo oltre!

 

La scrittura è scorrevole, facile, chiara però non genera grande suspense, ma non è mai tediosa, diciamo che lascia poco spazio all’ immaginazione e punta molto sulla logica, o meglio tende a rendere logici sia i sentimenti che le emozioni. Un po' come i vecchi giallisti che stringevano il cerchio come una spirale, pian piano, intorno all’ assassino fino a far diventare il cerchio/spirale un punto preciso che, a sua volta, è il cerchio che contiene il tutto della storia.

L’ incipit del libro è decisamente attraente, cattura alla prima lettura e lascia grandi aspettative, che, a par mio, a livello di azioni sono un po' eccessive ma a livello concettuale sono ottimi ragionamenti.

 

<< L’ istinto alla violenza si nasconde dentro di noi,

acquattato nel nostro io più profondo. È  nel DNA, nell’ anima.

Ciascuno può collocarlo dove vuole, sta di fatto che, è presente,

e che non si può estirpare senza uccidere l’essenza dell’ essere umano.

È  qualcosa di primitivo, atavico, fondamentale.

Esiste da milioni di anni.  È il mistero che ci definisce.

Bisogna solo aspettare che la rabbia o il dolore lo risveglino.

Oppure l’invidia. O la paura. O la lussuria.

E a quel punto … . >>

 

Di particolare fascino, che vincono sulla storia narrata, secondo me, sono le riflessioni che si generano sui concetti di bene e male che convivono all’ interno dell’ individuo.

 

Da pagina 271:

<< Quando si  a che fare con il male, è facile vederlo negli altri,

in coloro che classifichiamo come criminali;

il difficile è accorgersi che vive dentro ognuno di noi.>>.

 

Nozioni messe in luce da un sapiente professore, l’ archeologo/sacerdote Samuel Henares, che riesce, volontariamente o involontariamente, ad amplificare i concetti di male negli assassini e i concetti di bene nelle eroine, soprattutto, però, riesce a dare spunti di meditazione a noi lettori su tali argomenti.


<< Chi lotta coi mostri deve guardarsi di

non diventare, così facendo, un mostro.

E, se tu scruterai a lungo in un abisso,

anche l’abisso scruterà dentro di te.>>.

( Friederich Wilhelm Nietzsche, al di là del bene e del male)

 

Come lettrice, amante dei gialli e dei thriller, posso affermare che della storia narrata con gli anni ricorderò poco o nulla se non solo che è stata ambientata in Spagna e che si intrecciava con la preistoria, ma ciò che non potrò mai dimenticare sono i pensieri che ha lasciato frullare nella mia mente, il far girare concetti ed idee, su cosa siamo stati, come ci stiamo trasformando e cosa diventeremo.

 

Da pagina 481:

<< Il prezzo del nostro presunto trionfo come specie è la mediocrità.

La totale mancanza di libertà .>>.

<< I mediocri hanno bisogno di vincoli.

 Regole che gli dicano ciò che è bene e ciò che è male.

La nostra società tenta di reprimere la violenza facendoci sentire in colpa,

invece di aiutarci a conoscerla e ad accettarla. … >>.

 

Alla fine? Consiglio questa lettura non per la storia in sè ma per l’ introspezione che produce nel lettore! L.Ch.


TRAMA

L’Impronta del Male

Manuel Rios San Martin


Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Atapuerca è un paesino di poco più di cento anime relegato in un angolo sperduto della Spagna, ma è pure uno dei siti di archeologia preistorica più vasti del mondo. Qui sono conservati i resti umani più antichi mai rinvenuti. E qui è stato commesso il primo omicidio documentato della storia. Esattamente nello stesso punto, millenni dopo, una scolaresca in gita scopre il cadavere di una ragazza: nuda, in posizione fetale e disposta come nei riti funebri della preistoria. Per Silvia Guzmán, è un incubo che ricomincia. Sei anni prima, un'altra giovane donna era stata uccisa e deposta con modalità rituali in un sito funerario. Quel delitto, mai risolto, aveva quasi distrutto la sua carriera di poliziotta ed era costato il posto a Daniel Velarde, il suo partner, che adesso lavora nel settore della sicurezza privata. Ed è proprio a loro che le autorità affidano la nuova indagine. Per Silvia e Daniel, è l'occasione per affrontare i fantasmi del passato e i loro demoni personali, e forse per venire a patti coi sentimenti che ancora provavano l'uno per l'altra. Tuttavia, più tempo passano in quel luogo inquietante, in cui tutti si conoscono, più i segreti si moltiplicano e le ombre si tingono di nero. A poco a poco, Silvia e Daniel si rendono conto che l'unico modo per fare luce sul mistero e sul legame tra i due omicidi è comprendere le motivazioni dell'assassino, anche se ciò significa inoltrarsi nei sentieri oscuri della sua mente e seguirli fino agli abissi più profondi e nascosti dell'animo umano. Là dove il male ha lasciato la sua impronta fin dalla notte dei tempi...

 

Prima pubblicazione: 2020 
Autore: Manuel Rios San Martín 
 

CENNI SULLA VITA di:

Manuel Rios San Martin


Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina: Manuel Ríos San Martín è nato a Madrid nel 1965. È laureato in Scienze delle Comunicazioni e ha lavorato per anni per le maggiori case di produzione televisive spagnole, sia come produttore sia come regista e sceneggiatore. L'impronta del male è il suo romanzo d'esordio.



Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

 

 

Luigia Chianese
Books Review Blogger
Blog Libri e Opinioni 
Dall' Etichetta del Blog:

Narrativa

Thriller

Suspense

 

****************************************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @LibrieOpinioni @ChianeseLuigia

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui #ManuelRiosSanMartin #LImprontaDelMale # Atapuerca #Narrativa #Thriller #Suspense

***************************************

 

 

 

 

martedì 15 settembre 2020

SLAVENKA DRAKULIC - IL GUSTO DI UN UOMO

SLAVENKA DRAKULIC
IL GUSTO DI UN UOMO

 

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

 

Mugnano di Napoli

22.08.2020

 

Due stranieri in una città straniera, un’ esperienza sconvolgente che si trasforma in una passione travolgente che porta agli estremi; descrizioni fredde e crude che riescono a cuocerti e a divorarti.

Da pagina 105: << Vieni a me, non marcire così nella terra, lascia che il tuo corpo scompaia nel mio.>>.  

Tutto è esagerato nella scrittura della Drakulic, ma è appassionante e drammatico. Ti incuriosisce e ti fa arrabbiare, ti eccita e ti stupisce, questa narrazione produce uno scorrere di emozioni e sensazioni che percorrono la schiena come un cubetto di ghiaccio. Per gli amanti dell’amore eccessivo, fatto di possesso totale, di patti mortali, di unione complete fatta non solo di spirito e cuore, ma anche di << l’impulso ad incorporare l’oggetto del desiderio>>  questo è il romanzo ideale. La scrittura è fluida e decisa, non ci sono sbavature mielose ma vi è lucida follia amorosa. Non adatto per stomaci deboli! L.Ch.

 

TRAMA
IL GUSTO DI UN UOMO
di SLAVENKA DRAKULIC

 

  

Una poetessa polacca esule a New York incontra José, un antropologo brasiliano che si occupa di un celebre caso di cannibalismo, quello degli uruguaiani che sopravvissero 70 giorni sulle Ande, dopo un disastro aereo, cibandosi di carne umana. Tra i due intellettuali sradicati nasce una passione fortemente fisica che l'io narrante della protagonista sente totale e travolgente. Ma quando il futuro minaccia di separarli, la donna giunge a una scelta estremaPer non dividere l'amante, posseduta da una silenziosa, metodica ossessione, concepirà l'idea di farlo suo per sempre...


Prima pubblicazione: 1995
Autore: Slavenka Drakulic
Prima pubblicazione: 1995/1996
Genere: Letteratura  Letteratura Erotica Narrativa Romanzo Romanzo Contemporaneo  Romanzo Rosa


CENNI SULLA VITA di:
SLAVENKA DRAKULIC

 

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Slavenka Drakulić  è nata il 4 luglio 1949 ed è una giornalista, scrittrice e saggista croata le cui opere su femminismo, comunismo e post-comunismo sono state tradotte in diverse lingue. Drakulić è nata a Rijeka, Croazia, il 4 luglio 1949. Si è laureata in letteratura comparata e sociologia presso l'Università di Zagabria nel 1976. Dal 1982 al 1992 è stata redattrice per il quotidiano bisettimanale Start e settimanale Danas (entrambi a Zagabria), scrivendo principalmente su questioni femministe. Oltre ai suoi romanzi e raccolte di saggi, il lavoro di Drakulić è apparso su The New Republic, The New York Times Magazine, The New York Review of Books, Süddeutsche Zeitung, Internazionale, The Nation, La Stampa, Dagens Nyheter, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Eurozine, Politiken e The Guardian.  Collabora con The Nation. Vive in Croazia e in Svezia. Drakulić ha lasciato temporaneamente la Croazia per la Svezia all'inizio degli anni '90 per motivi politici. Un famigerato articolo di Globus del 1992 non firmato (Slaven Letica, successivamente ammesso di essere il suo autore) accusava cinque scrittrici croate, Drakulić inclusa, di essere "streghe" e di "violentare" la Croazia. Secondo Letica, questi scrittori non sono riusciti a prendere una posizione definitiva contro lo stupro come tattica militare presumibilmente pianificata dalle forze serbo-bosniache contro i croati, e piuttosto lo hanno trattato come crimini di "maschi non identificati" contro le donne. Subito dopo la pubblicazione, Drakulić ha iniziato a ricevere minacce telefoniche; anche la sua proprietà è stata vandalizzata. Trovando poco o nessun sostegno dai suoi amici e colleghi di una volta, ha deciso di lasciare la Croazia.  Le sue opere note si riferiscono alle guerre jugoslave. As If I Am Not There parla di crimini contro le donne durante la guerra in Bosnia, mentre They I'd Never Hurt a Fly è un libro in cui ha anche analizzato la sua esperienza di supervisione dei procedimenti e dei detenuti del Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia al The Aia. Entrambi i libri toccano le stesse questioni che hanno causato la sua emigrazione dal paese d'origine in tempo di guerra. Negli ambienti accademici, è meglio conosciuta per le sue due raccolte di saggi; "Come siamo sopravvissuti al comunismo e persino riso" e 'Cafe Europa'. Questi sono entrambi resoconti di saggistica della vita di Drakulić durante e dopo il comunismo. Il suo romanzo del 2008, Frida's Bed, è basato su una biografia della pittrice messicana Frida Kahlo. Il suo ultimo libro di saggi A Guided Tour Through the Museum of Communism: Fables from a Mouse, a Parrot, a Bear, a Cat, a Mole, a Pig, a Dog, & a Raven è stato pubblicato nel febbraio 2011 negli Stati Uniti da Penguin, e ampiamente recensito con grande successo. Il libro si compone di otto riflessioni raccontate dal punto di vista di un animale diverso. Ogni bestia riflette sul ricordo del comunismo in diversi paesi dell'Europa orientale. Sebbene alcuni revisori abbiano interpretato il libro come una condanna del comunismo e dei suoi effetti persistenti, il libro critica anche le devastazioni del sistema economico che lo ha sostituito. Nel penultimo capitolo, un cane rumeno spiega che sotto il capitalismo tutti sono disuguali "ma alcuni sono più disuguali di altri", un'inversione di una famosa citazione di George Orwell da Animal Farm. Slavenka Drakulic è giornalista, saggista e scrittrice. In Italia è nota sin dagli anni Novanta grazie alla pubblicazione di alcune opere sul mondo comunista e post-comunista. Nel 2004 ha ricevuto il premio Award for European Understanding della Fiera del libro di Lipsia.  Tra le sue opere: Il gusto di un uomo (EST, 1999), La gatta di Varsavia. Favole sul comunismo raccontate da animali domestici, selvatici ed esotici (Dalai Editore, 2010), Il letto di Frida (Elliot, 2014), L' accusata (Keller, 2016). Drakulić vive a Stoccolma e Zagabria.

Link nel Blog Libri e Opinioni
 Consigliati da
Luigia Chianese Books Review Blogger
 

Dall' Etichetta del Blog;

  Luigia Chianese 

Blog Libri e Opinioni


Letteratura 

Letteratura Erotica

Narrativa

Romanzo

Romanzo Contemporaneo

Romanzo Rosa

 

 

*****************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni 

@ChianeseLuigia#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #

LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui

#SlavenkaDrakulic #IlGustodiunUomo #LetteraturaErotica #Narrativa 

#Romanzo #RomanzoRosa

***************************

 

martedì 25 agosto 2020

Marc Levy - La promessa di un' Estate

MARC LEVY 
LA PROMESSA 
DI UN’ ESTATE 

Recensione – Opinioni di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

Mugnano di Napoli

20  Agosto 2020

 

È il classico libro per l’estate, quello che ti fa sognare l’amore e che ti rilassa. Un delizioso fantasy che consiglio di leggere sulla spiaggia nel tardo pomeriggio o su un’amaca al tramonto. Il linguaggio dell’opera è vivace e semplice, la storia bizzarra e coinvolgente, scivola via come un mojto con il caldo d’estate! Il rapporto padre figlio e il fulcro del romanzo, se pur un rapporto con un fantasma!

Da pagina 52:<< Nessuno è pazzo, ognuno possiede la propria percezione della realtà e come sai, o forse no, la realtà è soggettiva.>>.

Raymond è un fantasma e che fantasma! Un uomo, ex chirurgo, elegante, divertente e concreto, un protagonista eccellente! Anche da fantasma, però, è un padre e come tale cerca di insegnare o meglio, in questo frangente, consigliare al figlio di godersi la vita e di essere più sciolto.

Da pagina 67:<< La verità è talmente banale da fare pietà.>>.

Thomas, il figlio, deve capire che la vita non è solo impegno, lavoro e dovere ma che è breve e bisogna cogliere gli attimi di gioia e  cercare di farli durare il più possibile senza cadere nella routine, ma soprattutto bisogna amare sempre.

Perfino da fantasma Raymond è un padre che ama suo figlio, ama la vita e la sua donna, Camille, ed è questa la lezione che alla fine, di questa assurda storia, viene fuori: mettersi in gioco e amare senza se e senza e per l’eternità!

Da pagina 107:<<Lo so già quello che stai per dirmi: si vive una volta sola.>>. <<Eh no, anche questo è un imbroglio enorme. La verità è che si muore una volta sola; in compenso si vive tutti i giorni. … >>. L.Ch.  

 

TRAMA

LA PROMESSA DI UN’ESTATE

di MARC LEVY

 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Il Concerto n. 2 di Rachmaninov mette a dura prova anche i grandi maestri del pianoforte. Lo sa bene Thomas, giovane virtuoso tra i migliori talenti di Francia, che da mesi si prepara per andare in scena alla prestigiosa Salle Pleyel di Parigi. Ma non è per la complessità dello spartito, se la sera del debutto sbaglia le note: è perché lì, tra il pubblico, accomodato sulle ginocchia di una donna ignara, c'è il fantasma di suo padre Raymond. Sovvertendo le leggi del possibile, l'uomo è tornato dall'aldilà per chiedere al figlio di aiutarlo a esaudire un desiderio: ricongiungersi a Camille, con cui in vita ha condiviso un duraturo sentimento platonico, nato molti anni prima su una spiaggia d'estate. C'è solo un modo affinché il sogno si realizzi, un rito inaudito che dovrebbe riunire i due amanti in maniera definitiva. È così che il pianista e il fantasma di suo padre si imbarcano in una rocambolesca avventura oltreoceano, intenzionati a ricucire gli strappi del tempo e a cercare un - seppur tardivo - lieto fine.

 

CENNI SULLA VITA di:

MARC LEVY

 

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Marc Levy (Boulogne-Billancourt, 16 ottobre 1961) è uno scrittore e imprenditore francese. Nato in Francia nel 1961, dedica la sua vita non solo alla scrittura ma anche al lavoro per la Croce Rossa e per Amnesty International; ha inoltre diretto per anni uno studio di architettura tra Parigi e New York. Il suo primo romanzo Se solo fosse vero, pubblicato in Francia nel 2000, è stato tradotto in più di quarantadue lingue. Attualmente vive a New York. Nato in Francia il 16 ottobre del  1961 sposato con Pauline Lévêque (s. 2008) Figli: Louis Levy, Georges Levydedica la sua vita non solo alla scrittura ma anche al lavoro per la Croce Rossa e per Amnesty International; ha inoltre diretto per anni uno studio di architettura tra Parigi e New York. Il suo primo romanzo Se solo fosse vero, pubblicato in Francia nel 2000, è stato tradotto in più di quarantadue lingue. Da allora ha scritto molto ed è un autore molto letto e apprezzato non solo in Francia. Film tratti dalle sue opere: Se solo fosse vero, Mes amis, mes amours, Vismayathumbathu al suo attivo ha anche degli Album: Am ersten Tag, Die zwei Leben der Alice Pendelbury, Eine andere Vorstellung vom Glück (ungekürzt).

 

Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

 

 

Dall' Etichetta del Blog;

Luigia Chianese Books Review Blogger  Blog Libri e Opinioni
Luigia Chianese Books Review Blogger
Marc Levy

 

 

*****************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui #MarcLevy #LaPromessadiunEstate #UnaRagazzaComeLei #Narrativa #NarrativaModernaEContemporanea #Romanzo #RomanzoRosa #Fantasy

*******************

 

 

martedì 16 giugno 2020

Giorgio Faletti - La ragazza che guardava l’acqua

Giorgio Faletti 
La Ragazza che 
guardava l'acqua

Recensione – Opinione
di

Mugnano di Napoli
Lunedì 27.04.2020

(Ancora sotto assedio del Covid 19)

I racconti di Giorgio Faletti hanno la grandiosa capacità di donare emozioni, in questo libretto, di appena 77 pagine in tutto, ci sono ben due tipi di emozioni.
Le prime sono quelle che vengono fuori dal racconto iniziale, direi quello principale, de “La ragazza che guardava l’ acqua”; una storia fantasy piena di suspense con un finale inaspettato. Una storiella fatta di tenerezza, dolcezza e un briciolo di sana paura.  Particolare, direi cosa rara, una narrazione che inizia e si conclude con  la visione della realtà da parte del mostro del lago e non dalla parte dell’ essere umano, deliziosa ed interessante prospettiva.
Di altro tenore sono le altre emozioni che troviamo a fine libro, pardon libretto. Nel racconto, di appena 19/20 pagine, intitolato “Joystick” si racconta di una battaglia tra il bene e il male in stile “top gun”. In questa seconda parte vi sono emozioni dirette,  veloci, di quelle che vanno subito al punto, da leggere tutte d’un fiato, violente ed adrenaliniche;  Tutte da scoprire, letteralmente divergenti da quelle vissute nella prima parte del libro. Buona lettura! L.Ch.

*************************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia
#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui
#GiorgioFaletti #PhysiqueDuRole # Spugnole #Graffiti
#LaRicettaDellaMamma  #LaRagazzaCheGuardavaLacqua
#B-Movie #AntropologiaCriminaleLambrosiana #Pseudoscienza
#MarcelloSimoni#Horror HorrorPsicologico
#DarkFantasy #Mistero #Thriller #Suspense
#NarrativaModernaEContemporanea #NarrativaPsicologica #Narrativa
#Giallo #HardBoiled #PulpFiction  #Fantasy
****************************************************************************

TRAMA
La ragazza che guardava l’ acqua
Di Giorgio Faletti

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:
Un placido lago di montagna ha un abitante misterioso, un essere solitario che conduce la sua esistenza in una caverna sottomarina. Da sotto la superficie dell'acqua, senza mai farsi vedere, osserva il mondo esterno, ne invidia i colori sgargianti, e guarda con curiosità e paura a quegli esseri così diversi da lui che animano le rive del lago. Può sentire le vibrazioni dei loro sentimenti, ma ha troppa paura per mostrarsi. Quando arriva sul pontile una ragazza speciale, dai capelli rossi e lo sguardo triste, tutto cambia. Le sue vibrazioni sono diverse da quelle di tutti gli altri e il misterioso abitante del lago ne rimane incantato, improvvisamente sa che è disposto a rischiare la propria vita per starle vicino. Un doppio regalo per i lettori di Giorgio Faletti: una favola dal finale imprevedibile sui percorsi invisibili dei sentimenti e, per la prima volta in libreria, il racconto Joystick, un duello mozzafiato, senza paracadute, tra il bene e il male. Prefazione di Roberta Bellesini Faletti.

Copertina flessibile: 78 pagine
Editore: La nave di Teseo (13 giugno 2019)
Collana: Le onde
Lingua: Italiano


CENNI SULLA VITA
di:
Giorgio Faletti

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Giorgio Faletti, artista poliedrico, non ha mai smesso di dare prova della sua capacità di spaziare da un campo artistico all’altro. Come comico ha lasciato una forte impronta nel panorama della comicità creando una serie di personaggi indimenticabili protagonisti di alcune fortunate serie televisive come Drive InEmilio e Fantastico 90. Anche come musicista Giorgio Faletti ha ottenuto negli anni numerosi consensi.
Ha cominciato pubblicando in proprio diversi album di successo. Nel 1994, con la canzone  Signor Tenente, si è aggiudicato il secondo posto e il Premio della Critica al Festival di Sanremo. Sono nate in seguito le collaborazioni con alcuni grandi artisti della musica leggera italiana: ha scritto canzoni per Mina, Milva, Gigliola Cinquetti e i versi di due album di Angelo Branduardi, Camminando Camminando e Il dito e la luna. Il 2002 segna l’esordio in campo letterario. Il romanzo Io uccido balza immediatamente al vertice delle classifiche italiane e con oltre 3.500.000 di copie vendute diventa uno dei più clamorosi successi editoriali degli ultimi anni. Nel 2004 esce Niente di vero tranne gli occhi che ne conferma il talento letterario con oltre tre milioni di copie vendute. I suoi libri sono tradotti in 25 lingue e pubblicati con grande successo, oltre che in tutti gli stati d’Europa, anche in Sud America, in Cina, in Giappone, in Russia e a partire dal mese di marzo 2007 negli Stati Uniti e nei paesi di lingua anglosassone. Nel novembre del 2005 Giorgio Faletti ha ricevuto dal Presidente della Repubblica il Premio De Sica per la Letteratura. Nel frattempo non dimentica di essere un attore. Nel 2006 interpreta il prof. Martinelli in Notte prima degli esami, film campione di incassi con oltre 20 milioni di euro al botteghino. La sua interpretazione è stata premiata dalla critica con la nomination al David di Donatello come migliore attore non protagonista. Il suo terzo romanzo, Fuori da un evidente destino ha venduto quasi 2 milioni di copie.  Del 2008 la raccolta di racconti Pochi inutili nascondigli (Baldini Castoldi Dalai) e del 2009 l'audiolibro di uno di questi racconti, Una gomma e una matita (Emons audiolibri) letto da Vinicio Marchioni. Nel 2010 esce Appunti di un venditore di donne (B.C. Dalai editore). Nel 2011 esce Tre atti e due tempi (Einaudi) e nel 2012  Da quando a ora (Einaudi). Giorgio Faletti scompare nel 2014, in seguito a una lunga malattia.  



 Consigliati da


Dall' Etichetta del Blog;







*************************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia
#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui
#GiorgioFaletti #PhysiqueDuRole # Spugnole #Graffiti
#LaRicettaDellaMamma  #LaRagazzaCheGuardavaLacqua
#B-Movie #AntropologiaCriminaleLambrosiana #Pseudoscienza
#MarcelloSimoni#Horror HorrorPsicologico
#DarkFantasy #Mistero #Thriller #Suspense
#NarrativaModernaEContemporanea #NarrativaPsicologica #Narrativa
#Giallo #HardBoiled #PulpFiction  #Fantasy
*******************************************************************************