martedì 19 luglio 2022

Alberto Schiavone - Dolcissima Abitudine

ALBERTO SCHIAVONE
Dolcissima Abitudine

Recensione - Opinione di
 
Mugnano di Napoli (Na) – 26 giugno 2022
 
La storia di questo romanzo è temporalmente scandita dalle vicende italiche del ‘900; se si vuole capire che aria tira in Italia, nella vita della protagonista, la puttana Piera Cavallero, in arte Rosa, basta leggere tra le righe.
L’autore, Alberto Schiavone, cita vari avvenimenti che non possono non saltare all’occhio: La legge Merlin (La legge 20 febbraio 1958, n. 75 sulla Prostituzione), l’orribile Strage di Piazza Fontana in Milano (12 dicembre 1969, nel centro di Milano presso la Banca Nazionale), il Massacro del Circeo (tra il 29 e il 30 settembre 1975), la legge Basaglia (La legge 180 del 1978, quella sui manicomi per capirci), la legge 194 del 1978 sull’Aborto, le migrazioni e la prostituzione delle Nigeriane, le sigarette di contrabbando, i trafficanti Albanesi, la droga dilagante tra i ricchi e meno ricchi, e poi il subentro delle prostitute dell’est Europa, la cancellazione del Delitto d’Onore nel 1981. Non manca di citare la morte, per mano della mafia, dei grandi magistrati Giovanni Falcone (23 maggio 1992) e Paolo Borsellino (19 luglio 1992), assolutamente indispensabile il riferimento alla discesa in campo politico dell’Imprenditore Silvio Berlusconi (1994) quindi Tangentopoli e il Pool di Mani Pulite (tra 1992 e 1994) e tanto altro. Uno spaccato della storia italiana.
Da pagina 182:
<< È l’esatto momento in cui in Italia
il sarcasmo e l’indignazione
entrano in gioco come strumento,
inutile, di lotta politica. >>.
Dal 1942 al 2006, anni delle vicende di Piera/Rosa, tra le cosce di questa donna, che trova una sua particolare emancipazione/liberazione, si può effettuare un volo pindarico su un’ordinaria brutta storia di una poverissima famiglia italiana che trova nella prostituzione un salvavita e Piera /Rosa diventerà il salvagente di se stessa.
Da pagina 182:
<< Il folclore addomestica la verità.
Una verità che ha il sapore del
sempre visto e del sempre praticato,
a tutte le latitudini. >>.
Piera Cavallero, in arte Rosa, a parte la bellezza, che maniacalmente curerà nel tempo fino a strafare, non ha avuto nulla dalla vita se non sfruttamento e dolore, iniziando dalla madre, figlia di prostituta e prostituta anch’ella, e cosa poteva fare se non insegnare “il mestiere” anche alla sua primogenita? Le insicurezze e le paure di Piera/Rosa si trasformeranno con il tempo in disprezzo verso gli altri, verso la sorella minore e verso la povertà, scatenando in lei l’accumulo compulsivo di beni e ricchezze e trasformando il suo lavoro di puttana, sana e discreta, in un’abitudine, un rifugio, una sicurezza economica ed emotiva.
Da pagina 215:
<< La sua abitudine al lavoro,
e la paura del vuoto senza,
la reggono e la logorano
allo stesso tempo. >>.
Vi è però qualcosa che non può avere e che non può fare, cambiare il passato, riavere e crescere suo figlio, può solo, spiare dal buco del mondo, che nel suo caso sarebbe la città di Torino, la vita del suo bambino che si fa uomo.
Tutta la storia di Piera/Rosa è narrata, da Alberto Schiavone, con un movimento leggero della penna, quasi come una foglia autunnale che plana lenta, molto lenta, sul terreno umido e fangoso di una vita autolimitata. La scrittura è chiara, semplice e dettagliata quanto basta, i protagonisti sono essenziali e la rombante e un po' grigia città di Torino è in sincrono con l’animo della protagonista.
Un discreto lavoro che ci accarezza dolcemente e che attraversa la vita anche di chi lo legge. L.Ch.
Nella mia scala, da 1 a 5, valutazione gradimento libri, questo testo merita un ottimo 3. 
📗📘📙🕮🕮
TRAMA
Dolcissima Abitudine
di Alberto Schiavone
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Torino, 2006. Piera, sessantaquattro anni, sta partecipando al funerale del suo ultimo cliente. Per gran parte della sua vita Piera Cavallero è stata Rosa, una prostituta. Ha avuto molto. Ha avuto niente. Ha avuto soldi, tanti, un piccolo impero economico insieme a una sua emancipazione personale. E ha avuto un figlio, che però non la conosce. Ma Rosa negli anni non ha mai perso di vista questo figlio. Gli è stata accanto passo dopo passo senza farglielo sapere. Ora, giunta a fine carriera, sente che è arrivato il momento di chiudere i conti con il passato. Un passato che ripercorriamo dai primi anni Cinquanta, quando nella Torino in espansione del dopoguerra Rosa inizia il mestiere in casa con la madre, che le ha trasmesso la professione appena adolescente. Seguiamo le sue vicende e la sua caparbia evoluzione. Gli uomini incontrati, le cadute, la solitudine rotta dai pochi amici e dai clienti che l’hanno accompagnata. La storia di Rosa, minuscola eppure incredibile, ispirata a figure e ambienti reali, si mischia con la storia del Novecento fino ad arrivare ai giorni nostri, insieme alla necessità spietata di trovare una difficile pace.
 
Editore: ‎ Guanda (10 gennaio 2019)
Lingua: ‎ Italiano
Copertina flessibile : ‎ 250 pagine - Dimensioni : ‎ 22.2 x 2.3 x 14.5 cm
ISBN-10: ‎8823517206   -   ISBN-13:‎ 978-8823517202
 
CENNI SULLA VITA di:
Alberto Schiavone
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Alberto Schiavone è nato a Torino nel 1980, vive e lavora a Milano. Ha pubblicato i romanzi La libreria dell’armadillo, Nessuna carezza e, presso Guanda, Ogni spazio felice (vincitore del Premio Fiesole Narrativa Under 40 e finalista al Premio Stresa).

La storia di Rosa, minuscola eppure incredibile, ispirata a figure e ambienti reali, si mischia con la storia del Novecento fino ad arrivare ai giorni nostri, insieme alla necessità spietata di trovare una difficile pace.

«Indagando profondità e minuzie con asciuttezza sabauda,  scandita da dialoghi credibili ed efficaci, Schiavone fa della sua protagonista Rosa, la figura al centro di uno specchio del secondo Novecento italiano» 
Leonetta Bentivoglio, Robinson
 
«Dolcissima abitudine ha la forza della storia vera, dell’ambientazione realistica in un’Italia che dagli anni Cinquanta alla metà dei Duemila attraversa la storia del Novecento» 
Cristina Taglietti
 
CONSIGLIATI da


**********************************
#Blog #LibriEOpinioni 
#LuigiaChianeseBooksReviewBlogger
#Recensioni @LibrieOpinioni #LuigiaChianese
#FollowMe Commenta, Condividi, I Like,
Clicca #Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
#AlbertoSchiavone #DolcissimaAbitudine
#Narrativa #NarrativaModernaEContemporanea
#RomanzoContemporaneo
*************************************



Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non siate troppo duri con me! Soprattutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!

Iscriviti come Lettore Fisso


POST SCELTO DA LUIGIA

Michel Houellebecq - Annientare

Michel Houellebecq Annientare Recensione - Opinione di Luigia Chianese Books Review Blogger Blog Libri e Opinioni @LibrieOpinioni   Mugnano ...