venerdì 27 dicembre 2019

Andrea Camilleri – Autodifesa di Caino


Andrea Camilleri
Autodifesa di Caino

Recensione – Opinione
di

Mugnano di Napoli
Giovedì 19 dicembre 2019

Questo è il primo libro che leggo e recensisco dopo la morte, avvenuta a Roma il 17 luglio 2019, del Maestro Andrea Camilleri, non è facile perché il dispiacere sale alla gola e può entrare facilmente nelle parole; ma farò del mio meglio per esprimere il mio pensiero.

Già dalle prime pagine dedicate dall’Editore ad Andrea Camilleri apprendiamo una cosa che noi fan conosciamo da tempo:

Pagina 7: <<infondo un contastorie>>,

tra gli altri appellativi da utilizzare per Andrea Camilleri Cantastorie è il più azzeccato!

Pagina 8: << Perché destinate non solo ad essere lette, ma anche ad essere <<contate>> e contate da lui ...>>.

Autodifesa di Caino è il primo libro pubblicato dopo la morte di Camilleri ed è un monologo destinato ad essere interpretato, da lui, (ora, forse, da altri) a teatro, come è avvenuto per  “Conversazione su Tiresia”, che ebbe un immenso successo presso  il Teatro Greco di Siracusa in scena l'11 giugno 2018 ma anche in TV.

Come ci fa intendere lo stesso Editore, Sellerio, questo monologo tratta di un argomento ben preciso ovvero l’interrogarsi sul male ed al lettore-ascoltatore l’onore e l’onere del verdetto finale.

Il volumetto, di circa 81 pagine, si legge in un’ora, ma poi lo si rilegge per cogliere le varie sfumature e per immaginare le scene.

Cosa ha lasciato in me lettore? La mia semplice opinione? Nella vita si sceglie; si sceglie di fare, di capire, soprattutto nel caso di Caino farsi capire, di accettare, di sbagliare, di creare, di espiare, di combattere, d’insegnare, di accogliere, di cacciare e tutto questo l’ha fatto il Caino presentato da Camilleri:

Pagina 13: <<Caino il primo assassino della storia umana ...>>.

Questo Caino, per la sua autodifesa, ci presenta le sue due scelte fatte:
La prima scelta dovuta alla rabbia, ed a parer mio alla legittima difesa.
La seconda scelta generata dal rimorso, da qui la volontà di migliorare se stesso e gli altri.

Caino, semplicemente,  ha fatto nascere del bene dal male ma come ci ricorda il Maestro Andrea Camilleri, riprendendo una celebre frase dell’ Attore e Regista Orson Welles,

Pagina 78: <<Devo confessarvi che non sempre dal bene nasce altro bene e che non sempre il male genera altro male.>>.

Non sempre ciò si avvera e dipende dalle circostanze!

Da qui ognuno di noi può esprimere il suo verdetto.

Il mio? Questo Caino ha difeso la sua vita, si è salvato e ha dato molto, non essendo obbligato a farlo!
L.Ch.

***************************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB Libri e Opinioni
#LuigiaChianese #LibriEOpinioni
#LuigiaChianeseBooksReviewBlogger
#FollowMe #Segui
#AndreaCamilleri #Caino #AutodifesaDiCaino #Sellerio
#Dramma #Narrativa #Teatro
***************************************************************

TRAMA
Autodifesa di Caino
Di
Andrea Calogero Camilleri

    Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Dalla copertina del libro di Andrea Camilleri - Autodifesa di Caino;
Caino e Abele; Olio su tela; di Anonimo (Particolare)
  «Perché sono un contastorie. In fondo non sono mai stato altro. Nella tradizione ebraica, e in parte       anche in quella musulmana, esistono una miriade di controstorie che ci raccontano un Caino molto   diverso da quello della Bibbia. Su queste abbiamo lavorato». Andrea Camilleri offre una versione di   Caino lontana da quella consueta. È forse un Caino inventore della scelta, che va oltre il pentimento   prendendo consapevolezza che «senza il male il bene non esisterebbe». Come il precedente   "Conversazione su Tiresia" anche questo monologo avrebbe dovuto essere interpretato da Camilleri a   teatro. L'appuntamento era per il 15 luglio 2019 alle Terme di Caracalla. Ma il grande scrittore è uscito di   scena troppo presto.

      Ripresa della seconda - terza di copertina:
Caino, il primo assassino della storia, l’emblema stesso del Male, è chiamato a giudizio, Camilleri vuole che siano i lettori ad emettere il verdetto, i testimoni a carico sono tanti, ma non mancano quelli che Caino può convocare a suo sostegno.Ma sono soprattutto le parole di autodifesa dell’assassino di Abele a fare il punto e fornirci una nuova versione dei fatti, la sua. Ricorda Camilleri che "nella tradizione ebraica, e in parte anche in quella musulmana, esistono una miriade di controstorie che ci raccontano un Caino molto diverso da quello della Bibbia. In alcune di quelle antiche narrazioni lo scontro tra i due fratelli ne rovescia in qualche modo le posizioni". Camilleri continua a intessere la storia fornendo al lettore altri dati, altri elementi per giudicare, a mostrarci l’altra faccia di Caino: "C’è tutta una parte del mito che è affascinante ma totalmente ignorata: è quella del Caino fondatore di città, inventore dei pesi e delle misure, della lavorazione del ferro, ma soprattutto quella di Caino inventore della musica." "una volta che me ne stavo disteso in un canneto sentii il vento che entrava e usciva dai buchi delle canne producendo un rumore". Ecco il flauto, ed ecco il primo tamburo ricavato da una pelle di capra. "Ho finito. Non voglio che pronunciate il vostro verdetto ora. Riflettete su quanto vi ho raccontato questa sera e poi decidete da voi. Secondo coscienza."

GeneriDramma Narrativa Teatro


Editore: Sellerio Editore Palermo (21 novembre 2019)
Prima pubblicazione21 novembre 2019
Collana: Il divano
Lingua: Italiano
Copertina flessibile: 81 pagine
ISBN-10: 8838940339
ISBN-13: 978-8838940330
CENNI SULLA VITA
di:
Andrea Calogero Camilleri

Andrea Camilleri 
Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:
Andrea Camilleri (Porto Empedocle, 1925-Roma, 2019), regista di teatro, televisione, radio e sceneggiatore. Ha insegnato regia presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Ha pubblicato numerosi saggi sullo spettacolo e il volume, I teatri stabili in Italia (1898-1918). Il suo primo romanzo, Il corso delle cose, del 1978, è stato trasmesso in tre puntate dalla TV col titolo La mano sugli occhi. Con questa casa editrice ha pubblicato: La strage dimenticata (1984), La stagione della caccia (1992), La bolla di componenda (1993), Il birraio di Preston (1995), Un filo di fumo (1997), Il gioco della mosca (1997), La concessione del telefono (1998), Il corso delle cose (1998), Il re di Girgenti (2001), La presa di Macallè (2003), Privo di titolo (2005), Le pecore e il pastore (2007), Maruzza Musumeci (2007), Il casellante (2008), Il sonaglio (2009), La rizzagliata (2009), Il nipote del Negus (2010, anche in versione audiolibro), Gran Circo Taddei e altre storie di Vigàta (2011), La setta degli angeli (2011), La Regina di Pomerania e altre storie di Vigàta (2012), La rivoluzione della luna (2013), La banda Sacco (2013), Inseguendo un'ombra (2014), Il quadro delle meraviglie. Scritti per teatro, radio, musica, cinema (2015), Le vichinghe volanti e altre storie d'amore a Vigàta (2015), La cappella di famiglia e altre storie di Vigàta (2016), La mossa del cavallo (2017), La scomparsa di Patò (2018), Conversazione su Tiresia (2019), Autodifesa di Caino (2019); e inoltre i romanzi con protagonista il commissario Salvo Montalbano: La forma dell'acqua (1994), Il cane di terracotta (1996), Il ladro di merendine (1996), La voce del violino (1997), La gita a Tindari (2000), L'odore della notte (2001), Il giro di boa (2003), La pazienza del ragno (2004), La luna di carta (2005), La vampa d'agosto (2006), Le ali della sfinge (2006), La pista di sabbia (2007), Il campo del vasaio (2008), L'età del dubbio (2008), La danza del gabbiano (2009), La caccia al tesoro (2010), Il sorriso di Angelica (2010), Il gioco degli specchi (2011), Una lama di luce (2012), Una voce di notte (2012), Un covo di vipere (2013), La piramide di fango (2014), Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano (2014), La giostra degli scambi (2015), L'altro capo del filo (2016), La rete di protezione (2017), Un mese con Montalbano (2017), Il metodo Catalanotti (2018), Gli arancini di Montalbano (2018), Il cuoco dell'Alcyon (2019).
Premio Campiello 2011 alla Carriera, Premio Chandler 2011 alla Carriera, Premio Fregene Letteratura - Opera Complessiva 2013, Premio Pepe Carvalho 2014, Premio Gogol’ 2015.

Consigliati da



Dall' Etichetta del Blog;


Comprare il libro On – line:  QUI









***************************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB Libri e Opinioni
#LuigiaChianese #LibriEOpinioni
#LuigiaChianeseBooksReviewBlogger
#FollowMe #Segui
#AndreaCamilleri #Caino #AutodifesaDiCaino #Sellerio
#Dramma #Narrativa #Teatro
***************************************************************






Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non siate troppo duri con me! Sopratutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!