Visualizzazione post con etichetta Narrativa Moderna e Contemporanea. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Narrativa Moderna e Contemporanea. Mostra tutti i post

martedì 13 ottobre 2020

Michel Houellebecq - La Carta e il Territorio

La Carta e il Territorio

Michel Houellebecq

 

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni

 

Mugnano di Napoli

Settembre 2020

 

Per chi già conosce l’ autore è quasi superfluo affermare che il suo stile di scrittura è favoloso. Leggero, implacabile, veloce, diretto ma soprattutto preciso. Un uso della parola magistrale non ci si può sbagliare ad intendere e capire. In questo lavoro Michel Houellebecq è stato meno duro del solito nel pizzicare la società moderna è stato morbido, direi meno spietato, ma con una leggerissima vena pungente che solo chi ha letto opere come Sottomissione o Serotonina riesce ad intendere. Originale trovare tra i protagonisti dell’opera l’ autore stesso, direi divertente, appassionante ed ovviamente sfacciato, presuntuoso e pieno di sé, caratteristiche che me lo fanno amare sempre più, perché è bravo e chi è bravo può essere presuntuoso, finiamola con questa “corretta umiltà” ad ogni costo, viva l’ esagerazione dove è giusto che ci sia! Torniamo, però, all’ opera:  Non manca nulla abbiamo il thriller, il giallo, i colpi di scena e quel pizzico leggero di erotismo ma ciò che più colpisce è l’introspezione utilizzata dall’ autore che rende questo lavoro più cedevole ed originale. Mettersi a nudo non è poi così semplice ma è stato fatto con maestria. Da pagina 209:<< La vita talvolta vi offre un’opportunità, penso, ma quando si è troppo vigliacchi o troppo indecisi per coglierla, essa si riprende la sue carte; c’è un momento per fare le cose e per entrare in una felicità possibile, tale momento dura qualche giorno, talvolta qualche settimana o persino qualche mese ma si verifica solo una volta, soltanto una, e se in seguito si vuole tornare sui propri passi è semplicemente impossibile, non c’è più posto per l’entusiasmo, la convinzione e la fiducia, rimangono una rassegnazione dolce, una pietà reciproca e rattristata, la sensazione inutile e giusta che qualcosa avrebbe potuto esserci, che ci si è semplicemente mostrati indegni del dono che ci era stato fatto.>>. Secondo me con questo romanzo Michel Houellebecq mostra al mondo una caratteristica unica nel suo genere che lo farà apprezzare “con il senno di poi” ovvero saper intuire la modernità, l’umanità e il tempo che si sta vivendo dall’angolazione “della pancia”! L.Ch.

 

TRAMA

La Carta e il Territorio

Michel Houellebecq

 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Se Jed Martin, il personaggio principale di questo romanzo, vi dovesse raccontare la sua storia, probabilmente vi parlerebbe della rottura della propria caldaia, avvenuta un certo 15 dicembre. Oppure di suo padre, architetto noto e stimato, con cui era solito trascorrere solo la vigilia di Natale. Ricorderebbe certamente Olga, una russa molto carina incontrata all'inizio della sua carriera, in occasione di una mostra delle sue fotografie delle carte stradali della Michelin. Tutto questo avveniva prima che arrivasse il successo mondiale con la serie delle opere dedicate ai "mestieri", ritratti di personalità di diversi ambienti (fra cui lo scrittore Michel Houellebecq), colte nell'esercizio della loro professione. Dovrebbe dire anche come ha aiutato il commissario Jacelin a chiarire un'atroce storia criminale che ha sconvolto la polizia. Sul finire della sua vita, Jed Martin arriverà a una certa serenità ed emetterà solo dei mormorii. L'arte, il denaro, l'amore, il rapporto col padre, la morte, il lavoro sono solo alcuni dei temi di questo romanzo, decisamente classico eppure, evidentemente, contemporaneo, in cui Michel Houellebecq, con la consueta implacabilità, ritrae la condizione umana.

 

Prima pubblicazione: 3 settembre 2010
Autore: Michel Houellebecq
Numero di pagine: 428
Editore: Groupe Flammarion
Generi: Narrativa Moderna e Contemporanea Narrativa Psicologica Giallo
               Thriller Thriller Psicologico Poliziesco Romanzo 
 Premi: Premio Goncourt, Goncourt List, Poland's Choice

 

CENNI SULLA VITA di:

Michel Houellebecq

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Dopo un’infanzia e un’adolescenza segnate dall’abbandono familiare (a sei anni, viene affidato alla nonna paterna della quale ha preso il cognome come pseudonimo e con lei vive a Dicy, poi a Crécy-la-Chapelle) e dalla vita di collegio, ha scoperto il proprio maestro in H.P. Lovecraft («Non partecipo mai a quanto mi circonda, sono sempre fuori posto»), al quale ha dedicato la sua prima opera, la biografia H.P. Lovecraft. Contro il mondo, contro la vita (H.P. Lovercraft. Contre le monde, contre la vie, 1991).Dopo la raccolta di versi La ricerca della felicità (La Poursuite du Bonheur, 1992), ha pubblicato il suo primo romanzo, Estensione del dominio della lotta (Extension du domaine de la lutte, 1994), radicale denuncia della miseria affettiva dell’uomo contemporaneo, nella tradizione di Céline. Con i romanzi successivi, Le particelle elementari (Les Particules élémentaires, 1998) e Piattaforma (Plateforme, 2001), ha continuato a decostruire, con uno stile violento e provocatorio, politicamente «scorretto», i miti e i riti della civiltà occidentale. Una sua intervista del 2002, critica nei confronti delle religioni monoteiste, gli ha procurato un processo per razzismo dal quale è stato assolto. Da allora vive in Spagna. La sua seconda raccolta di poesie, Il senso della lotta, ha ottenuto il premio di Flore 1996. Nel 1998 vince il Grand Prix nationale des Lettres Jeunes Talents per l’insieme dei suoi scritti.Il suo primo testo pubblicato in Italia è la poesia La fessura, apparsa in “Panta. Amore in versi” (Bompiani, 1999). Nello stesso anno, il romanzo Le particelle elementari, il suo secondo, è premiato come migliore libro dell’anno dalla rivista francese «Lire» ed è tradotto in più di 25 paesi. Del 2005 è il romanzo La possibilità di un'isola. Nel 2009 esce il saggio, scritto con il filosofo Bernard-Henry Lévi Nemici pubblici, dissacrante dialogo epistolare tra il "cattivo ragazzo della narrativa francese" e uno dei filosofi più mediatici del nostro tempo. Del 2010 è il romanzo La carta e il territorio, con il quale lo stesso anno vince il prestigioso Premio Goncourt. Nel 2015 esce Sottomissione, romanzo ambientato in una ipotetica Francia del 2022, in cui un musulmano vince le elezioni presidenziali, battendo il Fronte Nazionale di Marine Le Pen. L'editore di riferimento per l'Italia è Bompiani. Il suo primo testo pubblicato in Italia è la poesia La fessura, apparsa in “Panta. Amore in versi” (Bompiani, 1999); la Bompiani sta pubblicando un'edizione completa delle sue Opere, il cui primo volume è uscito nel settembre 2016

 

Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

 

Dall' Etichetta del Blog:

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni

 


Michel Houellebecq
Narrativa Moderna e Contemporanea
Narrativa Psicologica
Giallo
Thriller
Thriller Psicologico
Poliziesco
Romanzo

 

**********************************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @LibrieOpinioni @ChianeseLuigia

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui MichelHouellebecq # LaCartaeilTerritorio #Serotonina #Lanzarote #LeParticelleElementari  #Sottomissione #EstensioneDelDominioDellaLotta #Narrativa #NarrativaModernaeContemporanea #FictionStorica #Politica  #Giallo #ThrillerPsicologico #Thriller #RomanzoContemporaneo #RomanzoRosa #NarrativaPsicologica #Romanzo

**********************************************************

 



martedì 6 ottobre 2020

Roberto Costantini – Anche le Pulci Prendono la Tosse

Roberto Costantini 

Anche le Pulci 

Prendono la Tosse

 

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

 

Mugnano di Napoli

07.09.2020

 

Giallo, mi azzardo per Pulp Fiction , amore, commedia, il classico dei classici; abbiamo tutto: il “magna magna” della politica, i cattivissimi e i buoni ad ogni costo … ma cosa direbbero i cittadini Lombardi che l’hanno vissuta sulla pelle e non solo loro?  È proprio questa la visione, se pur romanzata, di un “incidente pandemico” di portata planetaria?  Forse la storia ci colpisce un po' troppo rispetto ai personaggi per un motivo molto semplice, non siamo ancora fuori dalla pandemia, ci dobbiamo convivere, la stiamo combattendo, quindi vivendo, ed è dura!

La storia narrata, però, nel suo insieme è sfizioza, semplice e ben costruita, lo stile di Roberto Costantini è sempre molto pulito e chiaro, lunghezza standard, scivola via in due o tre giorni, forse meno per chi ha più tempo ma con molta calma.

I personaggi sono un autentico campionario dell’ Italian-Style, precisamente come siamo noi, nel bene e nel male, ma non vi anticipo nulla (trama sotto) divertitevi e scegliete il vs. o i vostri personaggi da amare: i miei sono stati il vecchio Ottavio e la B.B. di Adeago!  Buona Lettura! L.Ch.


TRAMA

Anche le Pulci Prendono la Tosse

di Roberto Costantini

 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Raymond il poliziotto, Beatrice l’infermiera, Salvatore il piccolo imprenditore e Regina l’insegnante entrano nel tunnel del coronavirus con tutti gli altri, alla fine di febbraio a Adeago, in provincia di Bergamo. Ci entrano con le loro vecchie paure, frustrazioni, amori perduti e sconfitte, e con un carico di umana meschinità. Quando comincia il contagio, il poliziotto ne approfitta per defilarsi dalle indagini su un furto di macchine da cucire, l’infermiera simula un incidente per sfuggire al Pronto Soccorso sovraccarico, l’imprenditore pensa di fare soldi fabbricando e smerciando mascherine di dubbia qualità e l’insegnante elude le lezioni online per liberarsi di studenti svogliati e genitori aggressivi. Il tutto mentre i loro colleghi danno prova di un ben diverso impegno. Ma il virus non è solo un vento di morte, è anche un formidabile acceleratore di destini. E i loro deflagrano. Dalle feste per le vittorie dell’Atalanta si passa al deserto e poi al terribile corteo delle bare nei camion militari, e le storie dei quattro protagonisti si intrecciano e si coagulano intorno al vergognoso business delle mascherine finanziato da veri malviventi, alcuni con la pistola, ma i peggiori in giacca e cravatta. Nel momento più buio, uomini e donne che pensavano di non avere più niente da chiedere o da perdere si troveranno di fronte l’occasione per riscattare una vita spenta. Una storia d’amore e di dolore, in cui si ride a crepapelle e si piange disperatamente, che parla del nostro tempo, delle nostre scelte, della possibilità di capovolgere il proprio futuro. Un noir grottesco e travolgente come una Fargo lombarda.

 

Autore: Roberto Costantini

Genere:  Giallo Mistero Narrativa Moderna e Contemporanea Noir  Pulp Fiction Thriller

Prima pubblicazione: Luglio 2020

Pagine: 272

Casa Editrice: Solferino

CENNI SULLA VITA

di:

Roberto Costantini

 


Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Roberto Costantini (Tripoli, 1952), ingegnere, Master in Management Science all’università di Stanford (California), è dirigente della Luiss Guido Carli di ­Roma dove insegna Negoziazione e Leadership. Consulente aziendale, ha lavorato per società italiane e internazionali. È autore di una serie di romanzi che hanno come protagonista il commissario Balistreri, bestseller tradotti negli Stati Uniti e nei principali paesi europei. Con la Trilogia del male ha vinto il Premio Giorgio Scerbanenco 2014 come «migliore opera noir degli anni 2000». Con La moglie perfetta è stato finalista al premio Bancarella 2016.


Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

 

 

Dall' Etichetta del Blog:

Roberto Costantini

Giallo

Mistero

Narrativa Moderna e Contemporanea

Noir 

Pulp Fiction

Thriller








******************************************************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB Libri e Opinioni 

Instagram@luigiachianese

 Twitter@ChianeseLuigia

FB@librieopinioni

Luigia Chianese Books Review Blogger

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni

#LuigiaChianeseBooksReviewBlogger

#FollowMe #Segui

#RobertoCostantini #UnaDonnaNormale #Anchele PulciPrendonoLaTosse

#Thriller #ThrillerPsicologico #NarrativaModernaEContemporanea

#Mistery #Noir #Giallo #Pandemia #CoronaVirus #Covid19

****************************************************************

 

martedì 29 settembre 2020

Lorenzo Sassoli De Bianchi - La Luna Rossa

            Lorenzo Sassoli De Bianchi 

    La Luna Rossa 


Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

 

Mugnano di Napoli

30.08.2020

 

Se non avessi letto la biografia di Lorenzo Sassoli de Bianchi, scoprendo che è un Italo - Parigino cresciuto a Bologna, avrei giurato sulla sua “Napoletanità”. Un vero ultrà della curva culturale partenopea, un ultrà letterario. Per scrivere ciò che leggerete in questo libro e soprattutto come è scritto penso che non bastino le fonti a cui un autore può ispirarsi; ci vuole vita, cultura, amore, immenso amore e tanto studio, senza dimenticare che serve spazio mentale ampio, ampio come i sogni che da Napoli attraversano il mondo intero.

Da pagina 67 : << … perché niente è perduto se hai un sogno e lo condividi.>>.

L’autore, è stato magistrale nel racconto infatti attraverso questa storia, bella, sensibile e tenera elogia Napoli e la Napoletanità più di un Napoletano di nascita. Scrive di Napoli cose meravigliose che nemmeno io, che ci vivo e lo sono, riesco a pensare. Lorenzo Sassoli de Bianchi è riuscito a leggere la magia che aleggia eterna su questa città, riesce, con questa storia, a percepire il mondo surreale in cui vivono i Partenopei, un misto tra mistero e pragmatismo che non si scontrano ma crescono insieme!

Da pagina 76: << Era convinto che la lentezza accorciasse le distanze e perciò Napoli sarebbe morta solo per un’epidemia di pigrizia. >>.

Io che in questa città ci vivo, la amo e la odio allo stesso tempo, gongolo nel leggere tale meraviglia perché riempie il cuore scoprire la gioia negli occhi degli altri quando parlano della mia città e della mia gente. Quindi Grazie!

Ora ritorniamo con i piedi sul 42° parallelo Napoli – New York i luoghi dove si svolge la storia. Una storia di famiglia, sogni, amore e musica e direi una storia in musica. Le parole utilizzate dall’ autore sono adagiate sulle onde del mare e danzano nel golfo di Napoli e in una New York da film. Un tuffo “a cufaniello” , come si direbbe dalle mie parti, nella vita di una famiglia semplice che ama la vita e la musica al di sopra di tutto.

Da pagina 44: << Nella nostra tradizione, le tammurriate sono riti magici, protettivi: la pelle dei tamburi che si tende rappresenta l’ energia e la vitalità dei Napoletani davanti alle tragedie e le avversità.>>.  

Una vita “classica” per noi figli di Partenope, fatta di alti e bassi certi come le pietre laviche e che sappiamo di dover affrontare immergendoci nell’ incognita della speranza, insomma come una zeppola nell’ olio bollente, o come le zucchine che trovano la morte gloriosa nell’ essere cucinate “ alla Scapece”!

Ed è questo che fanno i protagonisti di questo romanzo, gettarsi a capofitto nelle onde della musica partenopea ed americana e quindi nella vita.

Da pagina 13: << La soluzione ai problemi si trova nei posti più impensati … .>>.

Le influenze di grandi personaggi della cultura Napoletana, nella scrittura di Lorenzo Sassoli de Bianchi, si incrociano a gogò in tutta l’ opera, ma è piacevole leggere nell’epilogo e nei ringraziamenti i nomi delle fonti d’ ispirazioni. (Lo confesso moltissime mi sono sfuggite!)

Tra i ringraziamenti non ho letto il nome di Federico Salvatore artista/musicista Napoletano eppure le pagine 3 e 4 di questo romanzo mi ricordano tantissimo una sua canzone: “Se io fossi San Gennaro” … Ascoltatela insieme alla Play suggerita dall’ autore.  … “Paraboliche ed antenne sono aghi nelle vene!” …

Il libro è un testo leggero e armonico, nulla è troppo al di sopra delle righe, nulla è eccessivo o esagerato ed il timbro di scrittura e le parole scelte sono “azzeccate” per far comprendere il modus operandi e il pensiero di questa famiglia Napoletana.

La storia narrata è magica e dolce, fatta di sogni, speranze e follie, le non-materie che sono scritte nel codice genetico di ogni Napoletano. L.Ch.

 

TRAMA
La Luna Rossa
di Lorenzo Sassoli de Bianchi

 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Un uomo solo al pianoforte, lo sguardo perso tra i grattacieli di New York. Mentre la mente vaga tra note e

parole a caccia d'ispirazione, i ricordi s'insinuano in cerca di compagnia, e la luna rossa che ipnotizza il cielo lo riporta a Napoli, la città dove tutto è cominciato. Come se si alzasse un sipario, davanti agli occhi di Nino Romano scorre una vicenda spensierata e canzonatoria, felice e disperata. Dalle serate nei locali, quando, ragazzino, suonava col padre per sbarcare il lunario, fino all'incontro con l'impresario che ha reso possibile il grande salto: la partenza per quell'America mitica stampata nel cuore da film e inarrivabili musicisti. Sul filo dei ricordi e del 41° parallelo che cinge la città di Pulcinella fino all'abbraccio di New York, si dipana il racconto di una vita che pare una ballata, con la tradizione musicale partenopea e il folk rock blues americano a fare da contrappunto a un'utopia rincorsa con passione da un padre e realizzata con amore da un figlio. Mai nulla è perduto se si coltiva un sogno e lo si condivide: la vita tiene sempre in serbo un gran numero di scintillanti opportunità. Prefazione Renzo Arbore.

Copertina rigida : 218 pagine

Editore : Sperling & Kupfer (25 agosto 2020)

Lingua: : Italiano

Genere : Narrativa Moderna e Contemporanea Romanzo

Costo: 16,90 circa

 

CENNI SULLA VITA di:

Lorenzo Sassoli de Bianchi


Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Lorenzo Sassoli de Bianchi  (Parigi, 26 novembre 1952) è un imprenditore e filantropo italiano, attuale presidente di Valsoia, azienda alimentare italiana del settore salute e benessere, dell'UPA (Utenti di Pubblicità Associati), l'associazione italiana degli investitori in pubblicità. Nato a Parigi, ma cresciuto a Bologna, Sassoli de Bianchi si è laureato in medicina presso l'Università di Bologna nel 1977, dove, come neurologo, si è occupato di malattie del sonno fino al 1985, con un periodo di specializzazione presso la Stanford University negli Stati Uniti. Ha contemporaneamente studiato alla UIA, l'Università internazionale dell'Arte di Firenze, conseguendo un Master in Critica d'arte nel 1981 sotto la guida del critico Carlo Ludovico Ragghianti. Nel 1986, è entrato nel Consiglio di Amministrazione della distilleria Buton, creatrice del brandy Vecchia Romagna, di cui nel corso dello stesso anno è stato nominato Amministratore Delegato. Lorenzo Sassoli de Bianchi ha unito le proprie conoscenze industriali e mediche fondando Valsoia, azienda dedicata al benessere alimentare, nel 1990. Nel 2006 l'azienda si è quotata a Piazza Affari e il fatturato ha superato i 50 milioni di euro. Nel 2009 l'azienda ha guadagnato il 91,38% in borsa. Nel 2014, il fatturato è stato 114 milioni di euro, e al 30 giugno 2015 il titolo è cresciuto oltre 600% dalla data di quotazione. Lorenzo Sassoli de Bianchi è stato nominato presidente dell'UPA (Utenti Pubblicità Associati) nel giugno 2007 e nel 2009, 2012 e 2015 è stato riconfermato per altri 3 anni. È stato anche nominato presidente del Museo d'Arte Moderna di Bologna nel 1995, poi riconfermato nel 2009 e nel 2013. Nel 2015, quando il Museo – insieme ad altri musei della città – è stato ricompreso nella neocostituita «Istituzione Bologna Musei Organi Direttivi», Sassoli de Bianchi è stato nominato presidente. L'organismo è responsabile di 13 musei bolognesi, tra cui il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, il Museo Morandi e il Museo Civico Archeologico di Bologna. Il 30 novembre 2016, lascia La Presidenza dell’Istituzione Bologna Musei. Il 2 dicembre 2016 viene nominato membro effettivo dell’Accademia Clementina di Belle Arti di Bologna. Dal 2001 al 2015 è stato inoltre vicepresidente del consiglio regionale per i Beni Culturali, e dal 1990 è membro del consiglio di amministrazione dell'associazione musicale Bologna Festival. Tra gli incarichi precedenti, è stato vicepresidente di Unindustria Bologna dal 2004 al 2007 e membro del consiglio di amministrazione dell'agenzia di sviluppo territoriale Promo-Bologna, di Banca UniCredit dal 2012 al 2015 e della Cineteca di Bologna dal 1995 al 2000. Sassoli de Bianchi ricopre incarichi direttivi in importanti associazioni di settore e di beneficenza, come la Fondazione del Monte (dal 2002 al 2012), attiva nei settori della solidarietà sociale, dello sviluppo comunitario e della ricerca scientifica, artistica e culturale e come l'associazione culturale Centro San Domenico (dal 2005). Come collezionista e critico d'arte, Lorenzo Sassoli de Bianchi ha scritto saggi di arte moderna e contemporanea, fra gli altri su Raul Dufy, Salvador Dalí, Giorgio Morandi, Julian Schnabel, Zhang Xiaotao e Feng Zhengjie. Tra i primi a portare l'arte contemporanea cinese all'attenzione dell'Occidente, è anche autore di due volumi: Cina. Pittura contemporanea (2008) e Pu Jie (2009). Ha anche scritto l'introduzione e due saggi critici per il volume Primary[15] sull'artista Feng Zhengjie (2007). Nel 2009 ha curato la personale The Solo Exhibition of Pu Jie a Pechino.

Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger


Dall' Etichette del Blog: 


Narrativa Moderna e Contemporanea

Romanzo


*******************************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia #LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui

#LorenzoSassolideBianchi #LaLunaRossa #RenzoArbore #Narrativa #Napoli

******************************************

martedì 8 settembre 2020

Info Box ... Prossimamente ... Le Recensioni

  
Info Box ... Prossimamente ...
Le Recensioni 


Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni

 

Mugnano di Napoli

26.08.2020

Salve amici del Blog, amici della pagina F.B. @LibrieOpinioni 
e amici di passaggio; Vi presento due nuovi acquisti! 

Lorenzo Sassoli de Bianchi  - La Luna Rossa 
Roberto Costantini   - Anche Le Pulci Prendono La Tosse

Costantini è già noto nel mio blog con un precedente romanzo di cui vi lascerò il link  ma per ora godetevi le trame e le vite di questi due autori a breve le mie Recensioni - Opinioni! Grazie a tutti coloro che mi seguono!  Luigia Chianese

*******************************

La Luna Rossa

di Lorenzo Sassoli de Bianchi

 

 Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

 Un uomo solo al pianoforte, lo sguardo perso tra i grattacieli di   New York. Mentre la mente vaga tra note e parole a caccia   d'ispirazione, i ricordi s'insinuano in cerca di compagnia, e la   luna   rossa che ipnotizza il cielo lo riporta a Napoli, la città dove   tutto è cominciato. Come se si alzasse un sipario, davanti agli   occhi di Nino Romano scorre una vicenda spensierata e   canzonatoria, felice e disperata. Dalle serate nei locali, quando,   ragazzino, suonava col padre per sbarcare il lunario, fino   all'incontro con l'impresario che ha reso possibile il grande salto:   la partenza per quell'America mitica stampata nel cuore da film e   inarrivabili musicisti. Sul filo dei ricordi e del 41° parallelo che   cinge la città di Pulcinella fino all'abbraccio di New York, si   dipana il racconto di una vita che pare una ballata, con la   tradizione musicale partenopea e il folk rock blues americano a   fare da contrappunto a un'utopia rincorsa con passione da un   padre e realizzata con amore da un figlio. Mai nulla è perduto se   si coltiva un sogno e lo si condivide: la vita tiene sempre in serbo   un gran numero di scintillanti opportunità. Prefazione Renzo   Arbore.



Dall' Etichetta del Blog;

Narrativa Moderna e Contemporanea

Romanzo


Copertina rigida : 218 pagine

Editore : Sperling & Kupfer (25 agosto 2020)

Lingua: : Italiano

Genere : Narrativa Moderna e Contemporanea Romanzo

Costo: 16,90 circa


CENNI SULLA VITA di:

Lorenzo Sassoli de Bianchi 


Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Lorenzo Sassoli de Bianchi  (Parigi, 26 novembre 1952) è un imprenditore e filantropo italiano, attuale presidente di Valsoia, azienda alimentare italiana del settore salute e benessere, dell'UPA (Utenti di Pubblicità Associati), l'associazione italiana degli investitori in pubblicità. Nato a Parigi, ma cresciuto a Bologna, Sassoli de Bianchi si è laureato in medicina presso l'Università di Bologna nel 1977, dove, come neurologo, si è occupato di malattie del sonno fino al 1985, con un periodo di specializzazione presso la Stanford University negli Stati Uniti. Ha contemporaneamente studiato alla UIA, l'Università internazionale dell'Arte di Firenze, conseguendo un Master in Critica d'arte nel 1981 sotto la guida del critico Carlo Ludovico Ragghianti. Nel 1986, è entrato nel Consiglio di Amministrazione della distilleria Buton, creatrice del brandy Vecchia Romagna, di cui nel corso dello stesso anno è stato nominato Amministratore Delegato. Lorenzo Sassoli de Bianchi ha unito le proprie conoscenze industriali e mediche fondando Valsoia, azienda dedicata al benessere alimentare, nel 1990. Nel 2006 l'azienda si è quotata a Piazza Affari e il fatturato ha superato i 50 milioni di euro. Nel 2009 l'azienda ha guadagnato il 91,38% in borsa. Nel 2014, il fatturato è stato 114 milioni di euro, e al 30 giugno 2015 il titolo è cresciuto oltre 600% dalla data di quotazione. Lorenzo Sassoli de Bianchi è stato nominato presidente dell'UPA (Utenti Pubblicità Associati) nel giugno 2007 e nel 2009, 2012 e 2015 è stato riconfermato per altri 3 anni. È stato anche nominato presidente del Museo d'Arte Moderna di Bologna nel 1995, poi riconfermato nel 2009 e nel 2013. Nel 2015, quando il Museo – insieme ad altri musei della città – è stato ricompreso nella neocostituita «Istituzione Bologna Musei Organi Direttivi», Sassoli de Bianchi è stato nominato presidente. L'organismo è responsabile di 13 musei bolognesi, tra cui il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, il Museo Morandi e il Museo Civico Archeologico di Bologna. Il 30 novembre 2016, lascia La Presidenza dell’Istituzione Bologna Musei. Il 2 dicembre 2016 viene nominato membro effettivo dell’Accademia Clementina di Belle Arti di Bologna. Dal 2001 al 2015 è stato inoltre vicepresidente del consiglio regionale per i Beni Culturali, e dal 1990 è membro del consiglio di amministrazione dell'associazione musicale Bologna Festival. Tra gli incarichi precedenti, è stato vicepresidente di Unindustria Bologna dal 2004 al 2007 e membro del consiglio di amministrazione dell'agenzia di sviluppo territoriale Promo-Bologna, di Banca UniCredit dal 2012 al 2015 e della Cineteca di Bologna dal 1995 al 2000. Sassoli de Bianchi ricopre incarichi direttivi in importanti associazioni di settore e di beneficenza, come la Fondazione del Monte (dal 2002 al 2012), attiva nei settori della solidarietà sociale, dello sviluppo comunitario e della ricerca scientifica, artistica e culturale e come l'associazione culturale Centro San Domenico (dal 2005). Come collezionista e critico d'arte, Lorenzo Sassoli de Bianchi ha scritto saggi di arte moderna e contemporanea, fra gli altri su Raul Dufy, Salvador Dalí, Giorgio Morandi, Julian Schnabel, Zhang Xiaotao e Feng Zhengjie. Tra i primi a portare l'arte contemporanea cinese all'attenzione dell'Occidente, è anche autore di due volumi: Cina. Pittura contemporanea (2008) e Pu Jie (2009). Ha anche scritto l'introduzione e due saggi critici per il volume Primary[15] sull'artista Feng Zhengjie (2007). Nel 2009 ha curato la personale The Solo Exhibition of Pu Jie a Pechino
            *****************

Anche le Pulci Prendono la Tosse

di Roberto Costantini


 Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Raymond il poliziotto, Beatrice l’infermiera, Salvatore il piccolo imprenditore e Regina l’insegnante entrano nel tunnel del coronavirus con tutti gli altri, alla fine di febbraio a Adeago, in provincia di Bergamo. Ci entrano con le loro vecchie paure, frustrazioni, amori perduti e sconfitte, e con un carico di umana meschinità. Quando comincia il contagio, il poliziotto ne approfitta per defilarsi dalle indagini su un furto di macchine da cucire, l’infermiera simula un incidente per sfuggire al Pronto Soccorso sovraccarico, l’imprenditore pensa di fare soldi fabbricando e smerciando mascherine di dubbia qualità e l’insegnante elude le lezioni online per liberarsi di studenti svogliati e genitori aggressivi. Il tutto mentre i loro colleghi danno prova di un ben diverso impegno. Ma il virus non è solo un vento di morte, è anche un formidabile acceleratore di destini. E i loro deflagrano. Dalle feste per le vittorie dell’Atalanta si passa al deserto e poi al terribile corteo delle bare nei camion militari, e le storie dei quattro protagonisti si intrecciano e si coagulano intorno al vergognoso business delle mascherine finanziato da veri malviventi, alcuni con la pistola, ma i peggiori in giacca e cravatta. Nel momento più buio, uomini e donne che pensavano di non avere più niente da chiedere o da perdere si troveranno di fronte l’occasione per riscattare una vita spenta. Una storia d’amore e di dolore, in cui si ride a crepapelle e si piange disperatamente, che parla del nostro tempo, delle nostre scelte, della possibilità di capovolgere il proprio futuro. Un noir grottesco e travolgente come una Fargo lombarda.



Autore: Roberto Costantini

Genere:  Giallo Mistero Narrativa Moderna e Contemporanea Noir  Pulp Fiction Thriller

Prima pubblicazione: Luglio 2020

Pagine: 272

Casa Editrice: Solferino 


CENNI SULLA VITA di:

Roberto Costantini 


Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Roberto Costantini (Tripoli, 1952), ingegnere, Master in Management Science all’università di Stanford (California), è dirigente della Luiss Guido Carli di ­Roma dove insegna Negoziazione e Leadership. Consulente aziendale, ha lavorato per società italiane e internazionali. È autore di una serie di romanzi che hanno come protagonista il commissario Balistreri, bestseller tradotti negli Stati Uniti e nei principali paesi europei. Con la Trilogia del male ha vinto il Premio Giorgio Scerbanenco 2014 come «migliore opera noir degli anni 2000». Con La moglie perfetta è stato finalista al premio Bancarella 2016.


**********************************

Una Donna Normale

di Roberto Costantini

 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

Aba Abate è una donna normale. Suo marito Paolo, pubblicitario aspirante scrittore, è un uomo colto ma con scarso senso pratico. I suoi figli, Francesco e Cristina, sono adolescenti e, come tutti i ragazzi a quell'età, problematici e conflittuali. La sua unica vera amica sin dai tempi della scuola, Tiziana, ha una libreria e da single continua a cercare il grande amore. Aba si rivolge a lei in cerca di un aiuto per le aspirazioni di romanziere del marito. Aba fa di tutto per tenere unita la sua famiglia e i suoi affetti, ma non è sempre facile per via del suo vero lavoro. Perché Aba Abate in realtà è anche «Ice». Non una semplice impiegata ministeriale come credono i suoi familiari, ma una funzionaria dei Servizi segreti con un compito delicatissimo: reclutare e gestire gli infiltrati nelle moschee. È proprio da un suo informatore che Aba apprende una notizia potenzialmente catastrofica: in Italia sta arrivando via mare dalle coste libiche un terrorista pronto a farsi esplodere. La scadenza: una settimana. Aba si trova costretta a intervenire in prima persona anche sul campo, in Libia e in Niger. E per avere una pur minima speranza di successo deve avvalersi della collaborazione di un agente del posto, il professor Johnny Jazir, un uomo che la trascina gradualmente in una spirale in cui tutti i suoi valori sono messi in dubbio. Le missioni si moltiplicano, le emergenze familiari e lavorative si sovrappongono nel giro di pochi, frenetici giorni, e quando niente va come dovrebbe il mondo di Aba - quello professionale, ma anche quello degli affetti e dell'amore per il quale ha sempre così tenacemente lottato - comincia inesorabilmente a crollarle addosso. Possono davvero coesistere Aba e Ice?


Autore: Roberto Costantini

Genere: ThrillerThriller PsicologicoNarrativa Moderna e Contemporanea

Copertina rigida: 480 pagine

Editore: Longanesi (23 gennaio 2020, prima pubblicazione)

Collana: La Gaja scienza

Lingua: Italiano

 

«Uno spirito dickensiano naturale che, coniugato a una capacità affabulatoria a tavoletta, lo rende davvero unico.» La Stampa

 

«Lo sguardo di Costantini è lucido. Le sue parole restano impresse nella memoria, come la sua galleria di personaggi imperfetti e dolenti in cerca di un senso alla comune sopravvivenza quotidiana.» - Corriere della Sera


                                                           LA MIA RECENSIONE

***********************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @LibrieOpinioni @ChianeseLuigia

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger 

#FollowMe #Segui #InfoBoxProssimamente #LorenzoSassolideBianchi #LaLunaRossa #RobertoCostantini #AncheLePulciPrendonoLaTosse UnaDonnaNormale #Covid19 #Coronavirus #RenzoArbore #Lombardia #Napoli #Pandemia #MusicaeParole 

************************