Amazon Prime

giovedì 29 novembre 2018

Andrea Camilleri - Paolo Canevari - I tacchini non ringraziano


Andrea Camilleri
Paolo Canevari 

        I tacchini  non ringraziano


Recensione - Opinione
di Luigia Chianese
Mugnano di Napoli
Addì: Lunedì 26 nov. 2018
(Libro arrivato, letto e recensito 
in un paio d’ ore)


Inizio questa mia Recensione – Opinione con una frase all’ interno della prima  delle tre note poste alla fine dei 12 racconti; pagina 178 - 179: <<La tragedia però, aveva cominciato a mostrare la sua faccia qualche tempo prima. Quando dei bambini, sempre di città, avevano compreso, in un elenco di pesci, anche il “pesce-bastoncino”. Il bastoncino Findus naturalmente.>>. Al primo colpo i pesci bastoncino e le quattro zampe dei polli fanno sorridere ma è una vera tragedia. Una tragedia fatta di cultura scolastica, di vita sbagliata e troppo legata ai mass media, ed ai libri, troppo staccata dalla realtà. Povere generazioni future; già non vedranno più le tante bellezze della natura e tanti animali, ma non sapranno, forse, mai la verità. Il resto del testo, adatto agli adulti è assolutamente consigliato ai bambini come narrazione e stimolo; è di tono stupefacente. E’ un libro di “memorie di vita vissuta” anche questo, come di altri di A. Camilleri, e riporta ad una vita campestre e un mondo più rurale, che si può ancora vivere ma che solo in pochi, oggi, hanno il lusso di vivere con naturalezza e spensieratezza e non come gita fuori porta una volta l’ anno. I 12 racconti e le note, sono tutti intensi e piacevoli ma io ho apprezzato molto due racconti: il primo a pagina 5: “Il lepro che ci beffò”;  il finale mi ha regalato sorriso, gioia, amore e speranza. E il sesto racconto: a pagina 69: “Due incontri allo zoo”;  essere <<superbamente cancellati dal suo orizzonte.>> da una bellissima e maestosa tigre, dopo un’appassionata, sincera e vibrante dichiarazione d'amore è uno smacco amoroso che A. Camilleri affronta in maniera “dignitosa e rassegnata”, nonostante: <<Sentii la terra aprirsi sotto ai miei piedi.>>.
Per quando concerne i disegni: Non è il tipo di arte che a me piace, ma considerando la natura del libro, posso dire che sono opere ben intonate al contesto, ai racconti. Confesso, però, la mia ignoranza sull’ artista, di fama internazionale, Paolo Canevari. 


Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog:

Mi trovi anche su FB:






Andrea Camilleri –  Paolo Canevari
I tacchini non ringraziano
Trama

Ripresa dalla copertina del libro: Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un’armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una ‘magaria’ inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall’astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente. Allo stesso tempo Camilleri ci ricorda che forse il mondo è diventato troppo brutto perché la bellezza degli animali abbia diritto a esistere. Ogni storia ci lascia con la consapevolezza dolce amara di tutto quello che rischiamo di perdere, ma anche con la quieta fiducia che sia ancora possibile un mondo in cui convivere e rispettarsi, con l’ausilio di un po’ di buon senso e di umorismo, un mondo meno prepotente e più meritevole di bellezza. Quella che Paolo Canevari con la grazia e la leggerezza dei suoi animali ha fissato sulla carta, anche lui, per sempre.





Andrea Camilleri – Vita
Ripresa per la maggior parte da Wikipedia: Andrea Camilleri nasce il 6 settembre del 1925 a Porto Empedocle (AG), figlio unico di Carmelina Fragapane e di Giuseppe Camilleri, ispettore delle compagnie portuali che partecipò alla marcia su Roma. Vive a Roma dalla fine degli anni quaranta e dal 1968  trascorre alcuni mesi l'anno a Bagnolo, frazione di Santa Fiora nel territorio del Monte Amiata in Toscana. Dal 26 settembre 2014 è cittadino onorario del borgo toscano, da lui descritto come suo "luogo del cuore"; il 14 agosto 2017 gli viene intitolato il Teatro Comunale del paese grossetano.
Dal 1939 al 1943, dopo una breve esperienza in collegio vescovile (fu espulso perché lanciò delle uova contro un crocifisso), studia al Liceo Classico "Empedocle" di Agrigento dove nel 1993  otterrà la maturità senza fare esami, poiché, a causa dei bombardamenti e in previsione dell'imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate, le autorità scolastiche decisero di chiudere le scuole e di considerare valido il secondo scrutinio trimestrale.  A giugno dello stesso anno comincia, come ricorda lo scrittore, «una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere, di sangue, di paure.» Tra il 1946 e il 1947 vive a Enna, in due misere stanzette prive di riscaldamento, e casualmente, dapprima attirato dal tepore, comincia a frequentare con assiduità la Biblioteca Comunale diretta dall'avvocato Fontanazza. Diventato suo amico questi gli fa conoscere gli scritti originali di due celebrità letterarie locali: Nino Savarese e Francesco Lanza. Diventa anche amico di Franco Cannarozzo, che poi divenne un famoso scrittore di romanzi di fantascienza con lo pseudonimo di Franco Enna. Camilleri ricorda che il periodo ennese lo indusse a partecipare a certamen letterari, e fu proprio nel 1947, durante il suo periodo ennese, che vinse il Premio Firenze con alcune sue poesie. Camilleri, nel documentario RAI "Il luogo e la memoria" (da lui scritto e letto) attesta il debito letterario verso Enna: «...Ed io, proprio in quelle due stanzette, credo di essermi formato come scrittore.»




Paolo Canevari – Vita

Ripresa per la maggior parte da Wikipedia: Paolo Canevari, è uno degli artisti della sua generazione famosi a livello internazionale, noto per l'utilizzo di differenti materiali e  media quali animazione,      disegnovideoscultura e installazioni. L'artista presenta simboli o luoghi comuni facilmente riconoscibili, al fine di commentare concetti quali la religione, i miti urbani della felicità o i grandi principi alla base della creazione e della distruzione.
Partendo come scultore, l'artista tratta la sua opera come un modo per convertire lo stato passivo della mente in atto energetico, creativo. L'adozione del medium video è associata al desiderio di generare immagini che siano sì effimere ma anche di grande impatto visivo. Le sue recenti opere video possono essere viste come una forma di scultura effimera che rifiuta la retorica dei monumenti eterni. Il lavoro di Canevari è legato alla riflessione sull'impermanenza nell'arte, sul significato della scultura e su come questa si metta in relazione con il contesto sociale contemporaneo. Fin dai primi anni Novanta, l'artista adotta come materiale d'elezione la gomma delle camere d'aria e degli pneumatici e il colore nero, sviluppando un linguaggio personale teso alla rivisitazione del quotidiano e agli aspetti più intimi della memoria dove si sovrappongono simboli, icone, cultura pop, rappresentazione storica e coscienza politica. La sua opera appare come tra le attuali sintesi delle espressioni linguistiche maturate dagli anni Sessanta in poi e non conosce confini di genere spaziando dal disegno al video, dall'installazione alla performance.I materiali primari e semplici che compongono i suoi lavori, sono messi in rapporto con il concetto di rappresentazione e fungono da "chiavi" che permettono infinite possibilità di lettura. Allo stesso tempo, testimoniano la continua metamorfosi della materia la cui instabilità è sinonimo di apertura a diverse interpretazioni. Dal 2011 Paolo Canevari inizia con la serie di opere “Monumenti alla Memoria” una ricerca basata sui linguaggi tradizionali della pittura, del disegno e della scultura. Attraverso declinazioni tecnico linguistiche l'artista indaga l'assenza, aspetti personali, intimi e interiori in rapporto all'opera d'arte e al suo significato universale. Pur afferendo alla riconoscibilità di forme e dimensioni di un patrimonio artistico e culturale condiviso, l'artista pone l'accento sull'assenza, sul potere dell'immaginazione individuale, sul concetto di identità, sconnessa dal dilagante bisogno di un riconoscimento sociale e infine sulla necessità di costruire una propria iconografia, non condizionata dai continui stimoli visivi del sistema dei consumi.




 LINK del BLOG suggeriti 
da Luigia Chianese:

Dall’ Etichetta del Blog: Autori per Bambini:
Dall’ etichetta del Blog Narrativa:
Dall’ etichetta del Blog Narrativa Umoristica:
Dall’ etichetta del Blog: Andrea Camilleri e non solo:

Dall’ etichetta del blog: Andrea Camilleri:


Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog:

Mi trovi anche su FB:




Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non siate troppo duri con me! Sopratutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!

Libri in altre lingue

Sconti Amazon