mercoledì 26 settembre 2018

Andrea Camilleri Il metodo Catalanotti

Andrea Camilleri
Il metodo Catalanotti

Lunedì 11 giugno 2018

Della serie Montalbano, per me questo è il capolavoro del Maestro Andrea Camilleri. Mi da l’idea di un’anteprima dell’ atto finale. (Riccardino)
Ci sta tutto! In questo romanzo abbiamo Andrea Camilleri il regista; per chi ha visto le sue opere o ha letto di esse sa che è un lavoratore di teatro e radio/televisivo molto particolare, preciso, metodico, come il protagonista di quest’opera. Andrea Camilleri che ha avuto un maestro d’eccellenza in una classe in cui era il “solo” studente. Qui ci sta tutto! 
Ci sta tutto! Su Montalbano; Siamo prossimi all’ epilogo, nella vita amorosa e lavorativa di Montalbano ... ( nota personalissima: preferirei Montalbano stroncato da un infarto che finire miseramente con Livia) ... Ma questo, forse, lo sapremo solo alla morte di Andrea Camilleri. Si vocifera che la Sellerio, in cassaforte, abbia l’ ultimo romanzo della serie!  (vedere Recensione di Riccardino
Ci sta tutto! Il compendio del lavoro e del “metodo investigativo Montalbano”, ci sta la vita si Salvo, ci sta Livia e Françoise; il tempo e lo spazio, l’ eterna sospensione del futuro! ...
<< io aspetto, aspetto ... 
sono in attesa da una vita, 
sospesa tra il tuo lavoro 
e quello che dovrebbe accadere 
in un futuro che non arriva mai .>>. 
Ci sta la cucina ed il mare, Adelina ed Enzo, gli amici/colleghi fidati, Mimì, Fazio, Catarella! Ci sta il dott.re Pasquano! Ci sta la pensione e i kg di troppo!
Ci sta tutto! Il teatro, gli attori, tanto amati da Camilleri, personaggi e storie di grande spessore! questo romanzo rappresenta la sintesi del Maestro!  Ci sta, soprattutto, la verità sul futuro, la “rialtà’” che sta per mettere Salvo di fronte alla svolta definitiva! 
Un autentico capolavoro, in una storia mozzafiato!  L.Ch. voto: 📔📕📕📕📕

Trama: 
Andrea Camilleri
Il metodo Catalanotti 

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:

"Il commissario Montalbano crede di muoversi dentro una storia. Si accorge di essere finito in una storia diversa. E si ritrova alla fine in un altro romanzo, ingegnosamente apparentato con le storie dentro le quali si è trovato prima a peregrinare. È un gioco di specchi che si rifrange sulla trama di un giallo, improbabile in apparenza e invece esatto: poco incline ad accomodarsi nella gabbia del genere, dati i diversi e collaborativi gradi di responsabilità, di chi muore e di chi uccide, in una situazione imponderabile e squisitamente ironica. Tutto accade in una Vigàta, che non è risparmiata dai drammi familiari della disoccupazione; e dalle violenze domestiche. La passione civile avvampa di sdegno il commissario, che ricorre a una «farfantaria» per togliere dai guai una giovane coppia di disoccupati colpevoli solo di voler metter su una famiglia. Per quanto impegnato in più fronti, Montalbano tiene tutto sotto controllo. Le indagini lo portano a occuparsi dell'attività esaltante di una compagnia di teatro amatoriale che, fra i componenti del direttorio, annovera Carmelo Catalanotti: figura complessa, e segreta, di artista e di usuraio insieme; e in quanto regista, sperimentatore di un metodo di recitazione traumatico, fondato non sulla mimèsi delle azioni sceniche, ma sull'identificazione delle passioni più oscure degli attori con il similvero della recita. Catalanotti ha una sua cultura teatrale aggiornata sulle avanguardie del Novecento. È convinto del primato del testo. E della necessità di lavorare sull'attore, indotto a confrontarsi con le sue verità più profonde ed estreme. Il romanzo intreccia racconto e passione teatrale. Nel corso delle indagini, Montalbano ha la rivelazione di un amore improvviso, che gli scatena una dolcezza irrequieta di vita: un recupero di giovinezza negli anni tardi. Livia è lontana, assente. Sulla bella malinconia del commissario si chiude questo possente romanzo dedicato alla passione per il teatro (che è quella stessa dell'autore) e alla passione amorosa. Un romanzo, tecnicamente suggestivo, che una relazione dirompente racconta in modo da farle raggiungere il più alto grado di combustione nei versi di una personale antologia di poeti; e, all'interno della sua storia, traspone i racconti dei personaggi in colonne visive messe in moviola perché il commissario possa farle scorrere e rallentare a suo piacimento." (Salvatore Silvano Nigro).


CENNI SULLA VITA di:

 Andrea Calogero Camilleri 

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina: 

Andrea Camilleri (Porto Empedocle, 1925), regista di teatro, televisione, radio e sceneggiatore.
Ha insegnato regia presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Ha pubblicato numerosi saggi sullo spettacolo e il volume, I teatri stabili in Italia (1898-1918). Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri vive da anni a Roma.  
Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista. Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio St Vincent.  Dal 1948 al 1950 studia regia all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico e inizia la sua attività di sceneggiatore e regista. Perde un concorso per diventare funzionario Rai, ma dopo qualche anno inizia a lavorarvi. Nel 1958 porta in Italia il teatro dell'assurdo di Beckett con Finale di partita, prima al teatro dei Satiri di Roma e poi in televisione con Adolfo Celi e Renato Rascel.  Insegna al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.  Molte le produzioni Rai di cui si occupa, particolarmente famosi gli sceneggiati del tenente Sheridan con Ubaldo Lay e "Le inchieste del commissario Maigret" con Gino Cervi. Nel 1977 ottiene la cattedra di Istituzioni di Regia all'Accademia di Arte Drammatica. La manterrà per vent'anni. L’esordio in narrativa è del 1978 con Il corso delle cose pubblicato da un editore a pagamento ed è un insuccesso.  Nell’80 pubblica con Garzanti Un filo di fumo, il primo romanzo ambientato nell’immaginario paese di Vigàta e con questo romanzo vince il Premio Gela.  Per 12 anni non escono più suoi romanzi.  Nel 1992 pubblica per Sellerio La stagione della caccia. Nel 1994 con La forma dell’acqua dà vita al personaggio del commissario Montalbano, protagonista di una nutrita serie di romanzi. Da quel momento la sua produzione è molto ricca e il successo immenso. Alla fine del 2002, accetta la nomina a direttore artistico del Teatro Comunale Regina Margherita di Racalmuto. Nell’aprile 2003, in onore a Camilleri, il comune di Porto Empedocle assume come secondo nome «Vigàta». Il 4 settembre 2008 vince il premio de Novela Negra RBA con un inedito in lingua spagnola dal titolo La muerte de Amalia Sacerdote pubblicato in Spagna nell’ottobre 2008 ed in Italia nel 2009 con il titolo La rizzagliata Tra i premi che gli sono stati conferiti ricordiamo il Premio Campiello 2011 alla Carriera e il Premio Chandler 2011 alla Carriera. Tra le sue opere più recenti che non hanno come protagonista il commissario Montalbano:
Il diavolo, certamente (2012),  Dentro il labirinto (2012),  Il tuttomio (2013),  La rivoluzione della luna (2013),  Come la penso (2013), Inseguendo un'ombra(2014),  Segnali di fumo (Utet 2014), Il cielo rubato. Dossier Renoir (Skira 2014), Andrea Camilleri incontra Manuel Vázquez Montalbán (Skira 2014), La relazione (Mondadori 2015), Il quadro delle meraviglie. Scritti per teatro, radio, musica, cinema(Sellerio 2015), Le vichinghe volanti e altre storie d'amore a Vigàta (Sellerio 2015) Topiopì(Mondadori 2016), L' altro capo del filo (Sellerio 2016), La cappella di famiglia e altre storie di Vigàta (Sellerio 2016), La mossa del cavallo (Sellerio 2017), La rete di protezione (Sellerio Editore Palermo 2017), La targa (Rizzoli 2017), Esercizi di memoria (Rizzoli 2017).

Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger  


Dall' Etichetta del Blog: 

*************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca #Segui  sul Blog Libri e Opinioni 
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER  
@LibrieOpinioni  @ChianeseLuigia #
LuigiaChianeseBooksReviewBlogger  #LuigiaChianese  #LibriEOpinioni  
#FollowMe #Andrea Camilleri #IlMetodoCatalanotti 
#Giallo #Mistero#Narrativa #Romanzo #Thriller 
#AntonioManzini  #SalvatoreSilvanoNigro  #Riccardino 
#Sellerio #Mondadori #Montalbano 
************************************************

 




1 commento:

Per favore, non siate troppo duri con me! Soprattutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!

Iscriviti come Lettore Fisso


POST SCELTO DA LUIGIA

STEPHEN KING - GUNS - Contro Le Armi

  STEPHEN KING GUNS Contro Le Armi   Recensione – Opinione di Luigia Chianese Books Review Blogger Blog Libri e Opinioni @LibrieOpinioni   M...