martedì 31 agosto 2021

MARIA LETIZIA GROSSI - LE STREGHE BRUCIANO AL ROGO

MARIA LETIZIA GROSSI
LE STREGHE 
BRUCIANO AL ROGO
 
Recensione – Opinione di
 
Mugnano di Napoli (Na) – 09 agosto 2021
 
Un giallo, tra Firenze, Bologna e l’Irpinia, tra tradizione e modernità, tra donne che cercano e vivono un riscatto sociale ma che sono fortemente condizionate da storie, tradizioni e cultura. Ciò che vincola di più la vita delle persone, in particolare delle donne, sono la famiglia d’ origine e l’ambiente socio culturale in cui si nasce; da queste due realtà è spesso difficile, ma non impossibile, sottrarsi. Il non detto, i segreti e il classico “inciucio” possono cambiare e influenzare, a volte in peggio, la vita degli individui con strascichi che possono attraversare intere generazioni e oltre. Il maschilismo e la violenza sono tra gli elementi più difficili da sradicare perché accettati, con consenso, anche dalle stesse vittime, donne, madri, sorelle e dalla comunità.
La curiosità investigativa della psicologa e commissaria Valeria Brandi è commovente quasi eccessiva verso questo caso; non demorde mai, a tratti è estremamente invadente, come se la faccenda fosse una questione personale; in effetti la vicenda prende le mosse in un luogo a lei caro ovvero la sua terra di origine.
Il racconto, a volte, è prolisso in dettagli, dettagli spesso folcloristici e piacevoli ma che alla fine servono poco alla risoluzione del caso, sono una bella cornice. Solo le battute finali sono cariche di suspense ma il resto è solo un accumulo d’ informazioni spesso non essenziali in location meravigliose. Piacevole la storia d’amore che cerca di svilupparsi tra la commissaria Valeria e il suo vice, l’ispettore Manuele Belgrandi, che ovviamente avrà un seguito, non del tutto scontato, in altri testi che probabilmente verranno. Tutto sommato è una lettura gradevole sotto l’ombrellone! L.Ch.
Voto da 1 a 5 libri un 2 e mezzo incoraggiante. 📚📚📑📗📘
 
TRAMA
LE STREGHE BRUCIANO AL ROGO
di MARIA LETIZIA GROSSI
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Tra Firenze, Bologna e l’Irpinia, un nuovo caso per Valeria Bardi, la profiler più acuta d’Italia. Piove a dirotto il giorno in cui la scrittrice Eugenia Ortesi si presenta al commissariato di Firenze per denunciare il ricevimento di una strana cartolina minatoria. Da un lato lo scorcio di uno sconosciuto paesino dell’Irpinia, Ripalta, e dall’altro la frase “le streghe bruciano al rogo”. L’immagine non avrebbe detto niente a nessuno se non fosse che sia la Ortesi che la commissaria Bardi sono cresciute da quelle parti. E poi quelle parole… la Bardi è sicura di averle già sentite. In effetti, nel dossier di un omicidio accaduto a Ferrara, è stato ritrovato lo stesso messaggio, la vittima morta in un terribile incendio. Che ci sia un collegamento? Potrebbe essere solo un falso allarme ma la commissaria ha un brutto presentimento e negli anni ha imparato a fidarsi delle sue intuizioni. Dal canto suo, invece, la scrittrice tende a sminuire l’importanza della minaccia ricevuta: sì, è vero, nella sua famiglia a Ripalta c’era una donna che veniva additata come strega, ma ormai sarà morta e poi lei non l’ha mai conosciuta… Eppure ci sono troppe coincidenze per un posto così piccolo.
 
CENNI SULLA VITA di:
MARIA LETIZIA GROSSI
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Maria Letizia Grossi di origini campane, vive a Firenze dove si è laureata in Storia medievale. Insegnante nelle Scuole Superiori per vent’anni, è membro della Società Italiana delle Letterate e dell’Associazione “Il Giardino dei Ciliegi”. Ha pubblicato articoli, racconti, saggi e traduzioni su riviste, tiene un corso di letteratura e scrittura creativa presso la Libreria delle Donne. Ha una figlia e un delizioso nipotino di pochi mesi. Per motivi familiari, ha viaggiato e soggiornato a lungo in Siria. "L’ordine imperfetto" è il suo primo romanzo.

Editore Giunti Editore
Etichette / Genere: Giallo Mistero Thriller
Lingua Italiano
Pagine: 264
Prima Pubblicazione: 7 luglio 2021
Primo Volume: "L’Ordine Imperfetto"
Volume 2 de: I Gialli della Commissaria Bardi



Consigliati da
Dall' Etichetta del Blog:

*************************************************
#Blog #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger
@LibrieOpinioni #LuigiaChianese 
#FollowMe Commenta, Condividi, I Like,
Clicca #Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
#MariaLetiziaGrossi #LeStregheBrucianoAlRogo
#Giallo #Mistero #Thriller

****************************************************


 

 

 

martedì 24 agosto 2021

SALMAN RUSHDIE - I VERSI SATANICI

SALMAN RUSHDIE
I VERSI SATANICI

 Opinione di
 
Mugnano di Napoli (Na) – 10.08.2021
 
Avevo appena 13 anni (oggi ne ho 45) quando comprai questo libro, ero una studentessa del 4° ginnasio (primo anno al liceo classico) ricordo che lo acquistai sull’onda dell' emotività collettiva dell’epoca: per il clamore suscitato, per la fatwā (in arabo فتوى ), che è la condanna a morte in contumacia pronunciata nell'anno 1989 dall'Ayatollah Khomeinī, leader religioso Iraniano ( vedi nota 1 sotto ), contro lo scrittore-autore Indiano, naturalizzato poi Inglese, Salman Rushdie, ritenuto reo di sacrilegio verso la religione musulmana per il suo libro “I Versi Satanici”.  Tale fatwā fu lanciata non solo verso l’autore ma anche contro i traduttori del libro, infatti il traduttore Italiano Ettore Capriolo fu aggredito, per l’esattezza pugnalato, da un sicario, in casa sua, nel milanese, il 3 luglio 1991, rimanendo però solo ferito; così come l'editore Norvegese in un episodio analogo; mentre il traduttore Nipponico del romanzo, Hitoshi Igarashi, fu ucciso da emissari del regime Iraniano; La fatwā è stata reiterata ancora il 17 febbraio 2008, in quanto 

-"La condanna a morte dell'Imam Khomeini contro 
Salman Rushdie 
ha un significato storico per l'Islam 
e non è semplicemente una condanna a morte”-

Comprai il libro, probabilmente,  per il continuo chiacchiericcio su di esso e sul suo autore, chiacchiericcio che si ascoltava in tv, nella mia scuola e si leggeva sui giornali; o lo acquistai semplicemente perché frutto del mio attraversare, due volte al giorno, per 6 giorni alla settimana, una popolare strada Partenopea, famosa per la vendita di libri e strumenti musicali, mentre frequentavo il Liceo Classico di Napoli (Liceo Ginnasio Statale Vittorio Emanuele II - sez. A) tra i licei uno dei più antichi e importanti; praticamente comprarlo è stato, per me, frutto di grande curiosità.

Questa fu la motivazione dell’epoca e come potete vedere dalla foto pubblicata, la mia copia, di 28.000 lire (oggi 14,50 € circa) è ancora lì, tutta un po' consumata perché l’ho prestata tante volte ed oggi lo sto rileggendo.
(p.s. non presto più i libri )

Perché proprio oggi? Perché a 33 anni dalla sua prima pubblicazione (1988) si parla ancora di questo libro (ho visto uno speciale su Rai 5, se non sbaglio, proprio il 10.08.2021) ed è meglio rileggerlo con un occhio più attento e una maturità maggiore. Perché, forse, i temi religiosi, in questo periodo storico, sono sulla bocca di tutti; 
leggerlo nuovamente ora, forse, perché le migrazioni sono all’ordine del giorno con il loro carico di diversità culturale e soprattutto religiosa; 
rileggerlo, forse, per il susseguirsi di attentati terroristici, di matrice islamica che sono aumentati, fuori e dentro la mia Europa, quindi più vicini a me; 
leggerlo ancora, forse, perché ci troviamo di fronte alla fine della missione in Afganistan, (missione iniziata nel 2001/2002 dopo gli attentati, quattro attentati per l’esattezza, dell’ 11 settembre 2001 negli Stati Uniti d’America ) voluta del nuovo Presidente Americano, il Democratico Joe Biden, dopo circa 20 anni, con il conseguente avanzamento dei Talebani, nella medesima regione e principalmente nella capitale dell’Afganistan, Kabul, dove ora ammazzano, sottomettono, umiliano e schiavizzano la popolazione più di prima, soprattutto donne; 
Va riletto, ora, semplicemente perché la fatwā del 1989, dall'Ayatollah Khomeinī, contro l’autore, Ahmed Salman Rushdie, e non solo contro di lui, è ancora in vigore.

I motivi sono tanti e la mia ragione di fondo non muta: - curiosità - e voglia di sapere, ma con uno sguardo non di una ragazzina di appena 13 anni e qualche mese ma di una donna.

E poi un libro etichettato sotto il genere letterario - Realismo Magico - (Vedi Nota 2) penso che sia un piacere da leggere! L.Ch.

NOTE:
1) La fatwā 1989 dall'Ayatollah Khomeinī: << Informo tutti i buoni musulmani del mondo che l’autore de’ I Versi satanici, un testo scritto e pubblicato contro la religione islamica, contro il profeta dell’Islam e contro il Corano, insieme a tutti gli editori e coloro che hanno partecipato con consapevolezza alla sua pubblicazione, sono condannati a morte. Chiedo a tutti i coraggiosi musulmani, ovunque si trovino, di ucciderli immediatamente, cosicché nessuno osi mai più insultare la sacra fede dei musulmani. Chiunque sarà ucciso per questa causa sarà un martire per il volere di Allah.>>.
2) Il realismo magico è una corrente artistica, pittorica e letteraria della prima metà del ‘900, che si identifica per una visione lucidamente attonita del reale. Nella letteratura (come realismo fantastico) è un filone attribuito a determinate opere narrative in cui gli elementi magici appaiono in un contesto altrimenti realistico.

TRAMA
I VERSI SATANICI
di SALMAN RUSHDIE
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
«I Versi Satanici» non è solo un romanzo, ricchissimo di immagini e invenzioni, ma è anche un libro che ha diviso l'opinione pubblica mondiale, dando origine a un caso letterario senza precedenti. La storia che viene descritta è un meraviglioso cocktail di realismo e fantasia, una vicenda magica in cui due viaggiatori, miracolosamente scampati a un disastro aereo, si vedono trasformati l'uno in una creatura angelica e l'altro in un essere diabolico. Ormai simboli del Bene e del Male, i due si affronteranno nella più antica e inevitabile delle battaglie, una lotta senza esclusione di colpi destinata a protrarsi in eterno nel tempo e nello spazio, dai più sperduti villaggi indiani alla Londra contemporanea. Un abbagliante mosaico di allegria e disperazione, di finzione e verità.
I Versi Satanici a cui fa riferimento il titolo sono i versi 19 e 20 della 53ª Sura (al-Najm, La Stella) e, soprattutto, il verso immediatamente successivo, presente solo in alcune antiche versioni del Corano e successivamente espunto nelle edizioni ortodosse. In questi versetti, che la tradizione considera ispirati da Satana, si dichiaravano degne di venerazione le tre dee pagane preislamiche al-Lāt e al-ʿUzzā e di Manāt (sorelle di Allah, dio pagano del pantheon arabo, chiamato con lo stesso nome con cui oggi in arabo si indica il Dio unico delle religioni monoteiste).
Il romanzo è diviso in nove capitoli, in cui si alterna il racconto delle vicende di due musulmani indiani miracolosamente scampati a un disastro aereo, Gibreel Farishta e Saladin Chamcha (nei capitoli 1, 3, 5, 7, 9) e la rivisitazione romanzesca di alcuni aspetti della cultura islamica, contenuti appunto nei versi che danno il titolo al romanzo (nei capitoli pari). Simboli del Bene e del Male i due protagonisti si affronteranno in una lotta senza esclusione di colpi destinata a protrarsi in eterno, fino alla improvvisa apparizione divina del profeta Mahound.
 
Editore: ‎ Mondadori: 1° gennaio 1989
Lingua: ‎ Italiano
Prima Edizione: 1988 in inglese
Copertina rigida: ‎ 576 pagine
 
CENNI SULLA VITA di:
Ahmed Salman Rushdie
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Ahmed Salman Rushdie: è uno scrittore, saggista, e attore indiano naturalizzato britannico, autore di opere di narrativa in gran parte ambientate nel subcontinente indiano.

Il suo stile narrativo, che amalgama il mito e la fantasia con la vita reale, è stato descritto come collegato al realismo magico.

Nasce a Bombay   il 19 giugno 1947 da una benestante famiglia dardica di fede islamica. Rushdie ha frequentato il king’s College di Cambrige. Nel 1999 si è sottoposto ad un intervento chirurgico alle palpebre per curare un disturbo congenito ai tendini rattrappiti, che ne rendevano difficoltosa l'apertura, col rischio della perdita della vista. Nel 2004, Rushdie si è sposato per la quarta volta, questa volta con la modella ed attrice indiana Padma Lakshmi, dalla quale però si è separato nel 2007. Salman Rushdie si dichiara ateo. Nel 2015 ha aperto la Fiera del Libro di Francoforte, evento che ha provocato il boicottaggio da parte dell'Iran

Nel 1988 scrisse I Versi Satanici (The Satanic Verses), una storia fantastica ma chiaramente allusiva nei confronti della figura di Maometto, e ritenuta blasfema dai Musulmani. La pubblicazione del libro provocò nel febbraio 1989 una fatwā dall’Ayatollah Khomeinī che decretò la condanna a morte del suo autore, reo di bestemmia. Un privato cittadino offrì una taglia per la morte dello scrittore, tollerata dal regime Khomeinista. Lo scrittore riuscì a salvarsi rifugiandosi in Inghilterra e vivendo sotto protezione. Il traduttore giapponese del romanzo, Hitoshi Igarashi, fu ucciso da emissari del regime iraniano, mentre il traduttore italiano, Ettore Capriolo fu aggredito da un sicario in casa sua rimanendo però solo ferito, così come l'editore norvegese in un episodio analogo. La fatwā è stata reiterata ancora il 17 febbraio 2008, in quanto “la condanna a morte dell'Imam Khomeinī contro Salman Rushdie ha un significato storico per l'islam e non è semplicemente una condanna a morte”.

 
Consigliati da
dott.ssa Luigia Chianese 
Luigia Chianese Books Review Blogger
Blog Libri e Opinioni 
@LibrieOpinioni

Dall' Etichetta del Blog:

*****************************************
#Blog #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger
@LibrieOpinioni #LuigiaChianese
#FollowMe Commenta, Condividi, I Like,
Clicca #Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
#SalmanRushdie #IVersiSatanici #Fatwā #AyatollahKhomeinī 
#Islam #Iran
#EttoreCapriolo #RealismoMagico #Memoria #Religione#Romanzo #RomanzoContemporaneo
****************************************************

martedì 10 agosto 2021

Margherita Capitò - Il Delitto Della Via Accattapane

 Margherita Capitò

Il Delitto Della 

Via Accattapane

 

Recensione – Confronto di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni

 

Mugnano di Napoli –22.07. 2021

 

Questa non è una vera e propria recensione diciamo che è una recensione/confronto, forse anche cattivella, che non ho potuto non fare.

Un libro di 170 pagine circa che scorrono velocemente, niente di geniale ma si lascia leggere sotto un ombrellone. Scritto da una donna, al suo primo romanzo, e come protagonista vi è una donna, precisamente “La Commissaria”.

Ora leggetemi bene, volevo scrivere “leggetemi con attenzione” non bene, ma sono Partenopea tollerate, per favore, le mie espressioni napoletane (Sientm’ Buon) tradotte in italiano: preparatevi sparo la bomba:

La Commissaria, la dott.ssa Sonia Castelbarco è, a parer mio, un perfetto alter ego femminile di Salvo Montalbano, sapete tutti chi è Montalbano vero? Immagino i fan in preda ad un attimo di soffocamento emotivo! 

Lei, guarda un pò! Adora il mare, scappa, appena può, al mare, non nuota ad oltranza come Salvo, ma fa vela, ma il mare "l’attrae assai"; abita in una villetta solitaria, anche lei, ma che coincidenza! (Ma la casa sulla spiaggia di Marinella con terrazzino sul mare della Sicilia non l’ha, e li parte il volgarissimo gesto dell’ombrello da nasce da un fantasma dispettoso che vive tutto nella mia testa.)  Lei adora mangiare, come Salvo Montalbano, ma ha una cosa in più, la commissaria, è esperta di vini; altra particolarità: Salvo Montalbano ragionava mentre era in pausa, fuori dal commissariato, ed anche la bella Commissaria Sonia ha questa abitudine. La Commissaria, poi, ha un modo d' investigare un po' fuori dagli schemi, come Salvo Montalbano, dirige il commissariato come una famiglia allargata, come Salvo Montalbano, (manca solo Catarella, ma forse no!) affiancata, nel suo commissariato, dal suo manipolo di fedelissimi, come Salvo Montalbano; il Vice Commissario, l’ Ispettor dott. Pasquale Cirillo, il Napoletano, che sarà l’ infiltrato, nelle vicenda narrata, mi ricorda il buon Giuseppe Fazio sempre, della serie Montalbano di Camilleri; abbiamo, poi, l’Ispettore Salvatore Giampiccolo, chiamato Ninì, lo sciupafemmine, che mi ricorda, ovviamente, il vice di Montalbano, lo sciupafemmine per eccellenza, Mimì Augello, anche se Ninì capitolerà d’amore per la sua bella Sonia; il vice Ispettore Antonini Fulvio, altro fedelissimo; e non poteva mancare un Medico Legale che state certi farà la sua strada, altri agenti con vari soprannomi, tipo Francesco Zanon, Veneziano, detto perciò Gondola, ed infine un allegro Questore; in questo caso un Questore molto disinvolto, non voglio spoilerare, ma da pagina 85:

<< è solo un uomo d’ordine.

E se c’è qualcosa di più pericoloso di un uomo di potere,

è proprio un uomo d’ordine.>>

 - << Perché>> -

<< Perché un uomo di potere è prevedibile.>>.

Il disinvolto Questore di questo romanzo è il dott.re Cesaroni, e non vi racconto come i rapporti tra i Questori e Salvo Montalbano siano particolari, che coincidenza!

Alla storia principale, giusto per trovare ancora altre similitudini con Camilleri, vi è una sotto storia, in questo caso, l’amore di Ninì per la bella Sonia e la storia del medico Michele Rocca, ex carcerato per “imputazione politica di stampo brigatista”! Storia nella storia, tipico modus operandi narrativo del Maestro. E per finire, come nelle peggiori tradizioni italiche anche qui chi è di “sinistra” è meglio tollerato … ma lasciamo perdere la politica su questo piano. 

Vogliamo parlare delle decisioni prese al limite della legalità, tipo far partecipare un civile, solo perché ha il porto d’ armi e sa sparare, in una irruzione armata? Queste sono bravate che si può permettere solo Salvo Montalbano al culmine della sua popolarità ed esperienza sul campo, non una giovane Commissaria alle prime armi, forse la si voleva rendere audace e sfrontata verso le regole come Montalbano. È, però, sull’ espressione a pagina 127:  

<< il saltafosso funzionò>>

tipica strategia interrogativa/investigativa di Salvo Montalbano, lo “Sfunnapedì” per l’appunto, che posso affermare che l’autrice, Margherita Capitò, sembra molto, ma molto, ma molto liberamente ispirata dal grande maestro Andrea Camilleri.

Tutto questo per farvi capire com’ è l’andazzo di questo giallo! Sapete però che vi dico! Che nonostante tutto il lavoro è bello, scritto bene, (non siamo ai livelli di Camilleri sia chiaro), ma è un buon lavoro, completo, leggibile, scorrevole, mai noioso, e con un bellissimo ed originale finale.

E per puro piacere personale desidero concludere con una citazione da questo libro, quella a pagina 96:

<< Ha ragione, ma sa com’è: ognuno è segnato dalla propria storia.>>.

Il mio voto, d’ incoraggiamento, è un bel 3 libri su 5. Buona lettura L.Ch.

VOTO: 📚📚📚📖📖

 

TRAMA

Il Delitto Della Via Accattapane

Margherita Capitò

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Un'auto incendiata lungo la via Accattapane, nel mezzo della campagna, tra vigne e oliveti; accanto, il corpo di un uomo, per metà carbonizzato. Una scena a cui la polizia non pensava certo di dover assistere nella tranquilla località turistica di Donoratico. Il caso vuole che in quegli stessi giorni un nuovo commissario sia approdato nella cittadina: è Sonia Castelbarco ed è appena arrivata dal nord Italia. Nonostante la giovane età, una massa di ricci ribelli e due occhi azzurro mare, Sonia è una donna lontana dagli stereotipi: ama cenare da sola al ristorante, fare lunghe nuotate per schiarirsi le idee, e una squadra tutta al maschile non le fa per niente paura ... anzi. Con l'aiuto dell'ispettore Giampiccolo, napoletano dalla battuta sempre pronta, tutt'altro che immune al suo fascino, si getta a capofitto nella sua prima indagine, complicata dall'arresto di Maurizio Venturini, un figlio di papà arrogante e viziato, coinvolto in un giro di cocaina. Ben presto, però, quello che sembrava un banale delitto di droga si colora di tinte più inquietanti: un intrigo mafioso internazionale, in cui si nasconde il peggior malaffare intrecciato alla politica.

 









CENNI SULLA VITA di:

Margherita Capitò

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Margherita Capitò è nata a Lisbona nel 1971 da padre siciliano e da madre francese. Ha studiato in Italia e dopo il liceo classico, si è laureata in lettere. Ha vissuto per brevi periodi in Marocco, Grecia e Luisiana. È stata corrispondente dal Marocco per alcuni periodici francesi. Vive fra la Provenza e la Toscana e Il delitto della via Accattapane è il suo primo libro. 

Autore: Margherita Capitò
Prima pubblicazione 24 settembre 2014
Editore:  Giunti Editore (5 gennaio 2017)
Lingua:  Italiano
Copertina flessibile:  176 pagine









Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

Dall' Etichetta del Blog:

dott. ssa Luigia Chianese
Books Review Blogger
Blog Libri e Opinioni
@LibrieOpinioni

Giallo

Letteratura

Mistero

Narrativa

Narrativa Moderna e Contemporanea  

 

*************************************************

#LibriEOpinioni  #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger

#LuigiaChianese @ChianeseLuigia

#FollowMe Commenta, Condividi, I Like,

Clicca #Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER @LibrieOpinioni

#MargheritaCapitò #IlDelittoDellaViaAccattapane

#Giallo #Letteratura #Mistero #Narrativa #NarrativaModernaEContemporanea

****************************************************

martedì 3 agosto 2021

Pasquale Capasso - L’ Incredibile Immaginazione di Mark Le Blanc

Pasquale Capasso

L’ Incredibile Immaginazione 

di Mark Le Blanc

  

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

@LibrieOpinioni 

Mugnano di Napoli (Na) – 28 – 07- 2021


L’ autore scrive:
<< I racconti brevi sono un piccolo capriccio al quale
ho scoperto di non riuscire a resistere ….
Un racconto breve, d’altronde,
è frutto di un “impulso”
e può arrivare quando meno te lo aspetti: … >>.
Direi che è stato un buon “impulso” ed ha fatto più che bene l’autore Pasquale Capasso a non resistere a tale impulso perché questo piccolo libricino, di appena 43 pagine, è un delizioso mini Horror.
Come “silente lettore” inizio con il porgere i miei complimenti a Salvatore Gatti per la magnifica copertina di questo libro; i colori scelti, il tratto e la raffigurazione che ha utilizzato Salvatore rendono merito al contenuto del testo; complimenti!
Passiamo al lavoro di Pasquale: Sfilante, accattivante, ipnotico! È vero che è un brevissimo racconto ma si ha fretta di leggerlo per poi rileggerlo e gustarlo di nuovo.
Alla fine della lettura ho avuto la netta impressione, (impressione sia chiaro non sono un medico)  di trovarmi di fronte a un caso di maladaptive daydreaming (in italiano "sogni ad occhi aperti disadattivi") noto anche come disturbo da fantasia compulsiva, che in parole povere è una forma disordinata di assorbimento dissociativo associato a un'attività di fantasia intensa e smisurata che spesso coinvolge scenari ben strutturati e immaginosi; devo dire che l’autore ha trasformato questo disturbo
, del piccolo protagonista del racconto, Mark Le Blanc, in un meraviglioso horror.
Azzeccatissimo anche l’utilizzo di serie/libri famosi come citazioni per descrivere situazioni ed emozioni, ad esempio come … - “Il signore degli Anelli” – Hunger Games – Futurama – etc. etc. … perché in linea con L’ Incredibile Immaginazione del piccolo Mark Le Blanc e il suo mondo.
Il finale è stato terrorizzante, non inaspettato, perché era più che chiaro che ci sarebbe stata come vittima, anche il piccolo Georgie, ma che lo scrigno fosse … Tranquilli niente spoiler. Ottima lettura! Consiglio di sostenere questo giovane e talentuoso scrittore. L.Ch. Il mio voto da 1 a 5 libri è 3. 📚📚📚🕮🕮

 

TRAMA
di Pasquale Capasso
L’ Incredibile Immaginazione 
di Mark Le Blanc
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
"Sua madre e suo padre gli dicevano sempre che era un ragazzino dalla fervida immaginazione e che se l’avesse sviluppata nel giusto modo sarebbe riuscito a farsi strada nel mondo dell’editoria o, perché no, nel mondo cinematografico. Dopotutto sognare non costa niente, no? si dicevano. Ma avrebbero presto imparato che qualunque cosa a questo mondo esige un prezzo; che sia pisciare in una stazione della metropolitana o leggere qualche articolo dal proprio smartphone. Tutto ha un costo. Anche stimolare la fantasia di un bambino avrebbe portato con sé le sue conseguenze". L'incredibile immaginazione di Mark Le Blanc è un racconto breve a tinte horror.





CENNI SULLA VITA di:
Pasquale Capasso
Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Pasquale Capasso nasce nel 1994 e vive nella ridente cittadina di Mugnano di Napoli (Na), situata al Nord del capoluogo Campano. Scrittore e praticante giornalista, ha pubblicato il suo primo romanzo nel 2019. Il suo racconto – Incubo di Natale – fa parte dell’antologia - Un Natale Horror. 


Editore Independent publisher (25 marzo 2021)
Illustratore: Salvatore Gatti
Lingua Italiano
Pagine: 43
Dimensioni 12.7 x 0.25 x 20.32 cm

Etichetta – Genere: Dark fantasy Horror Horror Psicologico Narrativa 

Narrativa Psicologica Mistero







Dall' Etichetta del Blog:

 

*************************************************

#Blog #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger

@LibrieOpinioni #LuigiaChianese 

#FollowMe Commenta, Condividi, I Like,

Clicca #Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

#PasqualeCapasso #LIncredibileImmaginazionediMarkLeBlanc

#DarkFantasy #Horror #HorrorPsicologico #Mistero #Narrativa #NarrativaPsicologica

****************************************************

 

 

 

 

 

 


 

 

 


Iscriviti come Lettore Fisso


POST SCELTO DA LUIGIA

STEPHEN KING - GUNS - Contro Le Armi

  STEPHEN KING GUNS Contro Le Armi   Recensione – Opinione di Luigia Chianese Books Review Blogger Blog Libri e Opinioni @LibrieOpinioni   M...