Visualizzazione post con etichetta Luca Bianchini. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Luca Bianchini. Mostra tutti i post

martedì 4 dicembre 2018

Video Recensione - Opinione - So che un giorno tornerai - Luca Bianchini

Video Recensione - Opinione 
So che un giorno tornerai - Luca Bianchini 


Mugnano di Napoli 03 dic 2018
di Luigia Chianese

La mia prima Video Recensione - Opinione

Clicca SEGUI dalla colonna in alto a d del blog oppure segui su FB: 


Per leggere il pst Recensione Opinion 
Dall' etichetta del BLOG: 


lunedì 3 dicembre 2018

Luca Bianchini - So che un giorno tornerai

Luca Bianchini 
So che un giorno tornerai

Recensione – Opinione
di Luigia Chianese
01 Dicembre 2018
Mugnano prov. di Napoli (Na)
Italia

Quando ho preso tra le mani questa copertina bianca, con un quadrifoglio verde brillante non conoscevo questo autore. Biografia, sul retro copertina, breve ed intensa, poi la trama.
Non sapevo perché ma mi aspettavo, o forse volevo, una lettura leggera esistono apposta,  fortunatamente!
Letto il riassunto sul risvolto della copertina, trovata simpatica e leggera; comprato!  

Come dico sempre, però, la bellezza o la bruttezza di un volume dipende dall’ età che si ha e dalla vita che si sta affrontando.

Dalle prime 30 pagine mi è sembrato subito intrigante e scorrevole,  facile, come lo  volevo; e quando un libro è così ti fa venire voglia di finirlo subito, perché non riesci a smettere di pensarlo; devo sapere dove va a parare e, per quanto mi riguarda, sopratutto come.

Tecnicamente la lettura è proprio semplice, spensierata, veloce, elementare; direi un testo adatto dai 12 anni in su; adulti e ragazzi senza il minimo sforzo, veramente alla portata di chiunque!
A pagina 30, però, ho smesso di leggere, volevo sapere qualcosa in più su questo autore, prima di riprendere la lettura.
Ecco la grandezza di Internet:

Luca: Nato a Torino nel 1970, ama scrivere e cucinare. Vita, sulla carta/web perfetta, studi umanistici con laurea, qualche anno a Londra per l’ inglese e dei buoni lavori fin da subito, sopratutto in posti importanti tipo la Rai. Scoperto e lanciato, in radio, da Fiorello (showman). Tutte le mosse giuste. Arriva anche la ciliegina sulla torta: ha scritto la biografia ufficiale di Eros Ramazzotti (Cantante Italiano)  e tanti altri libri .
Il botto, però, alla sua giovane età è stata la pubblicazione, da parte della Mondadori, (e non è poco!) del suo romanzo di esordio e di tanti altri romanzi; ma non finisce qui.
Arriva, anche la grandezza, nel 2015, da un suo romanzo, viene tratto un film con attori, oggi molto famosi, come Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, per la regia di  Marco Ponti.
Grande carriera; i miei più sentiti complimenti!
Ora, Luca, o sei un fortunato della madonna o come diciamo a Napoli “sei ammanigliato bene” o sei bravo sul serio. Spero nell’ultima; perché a me piace la gente che ha successo quando è brava!   
Ai lettori il giudizio però; perché è il primo libro che leggo di Luca Bianchini e non ho mai visto i film tratti dalle sue opere. Sono felice per lui ma curiosa e sospettosa.

Tornando al libro penso che la sintesi del volume sia tutta in pagina 21:  << ...<<Vieni ancora un attimo qui>> le disse Pasquale tirandola verso di sé. E lei, mettendo da parte il poco orgoglio che aveva, si lasciò andare a un bacio che, per una volta, non le bastò. Era un bacio di addio senza speranza, senza un domani, eppure continuava a crederci. Come se l’ erotismo potesse compensare la mancanza di coraggio. Era convinta che se fosse diventata irresistibile, lui prima o poi sarebbe tornato.>>.

Testo pieno di illusioni, sogni, speranza, amore e non amore. Un intreccio fatto di personaggi perennemente infantili guidati, quasi tutti, no tutti, da un solo pensiero espresso bene a pagina 30: <<... L’ amore fatale è così: dimentica il male e vive solo dell’ attimo perfetto.>>.

E direi ... Aaaazione! : Con questa frase ad effetto, può iniziare il film. Perché a parer mio questo volume è stato scritto con il pensiero di farlo sceneggiare, niente di male, ma già lo vedo scorrere sulla pellicola.

Ritorniamo al testo:  ci sono  100 e passa pagine, direi dalla 62 in poi, che mi hanno reso la protagonista, Angela, talmente antipatica, ma talmente antipatica, che mi è venuto da ridere.
Il piano è semplice: se sei bella o meglio bona, un tantino egoista e cattiva, ma una perfetta cretina, anche se le cose vanno male, tutto diventa più facile;  se sei così-così, normale direi, ti arrangi come puoi, vai con la sorte! Olè!
A volte è stata anche divertente la perenne immaturità di Angela e di tutto il suo seguito (se voglio essere buona), uomini inclusi, perché forse, a pensarci bene, i cretini della storia sono loro: dal barista pettegolo, al parrucchiere, al pittore musicista, ai parenti regionali,  fino al cavallo (maschio) Anthony.
Il romanzo, in pratica, può essere, anche, divertente, se preso alla leggerissima.

Pagina 239:<<I cambiamenti più importanti delle persone avvengono per decisioni piccole, quasi impercettibili, ma significative.>>.
Eccola la frase che, verso la fine, cerca di dare un senso all’ atteso finale, che ovviamente non vi svelo!

E’ stato divertente leggerlo, in 2/3 ore lo si finisce con un sorriso!

La cosa che mi è piaciuta più di tutto? 
Che ringraziando il mondo intero, l’ autore,  alla fine,  ha scritto: << E a voi lettori – gente rara – un bacio.>>. 
Ti rispondo: Grazie a te!
L.Ch.


Luca Bianchini – So che un giorno tornerai

Trama




Angela non ha ancora vent'anni quando diventa madre, una mattina a Trieste alla fine degli anni Sessanta. Pasquale, il suo grande amore, è un "jeansinaro" calabrese, un mercante di jeans, affascinante e già sposato. Lui le ha fatto una promessa: "Se sarà maschio, lo riconoscerò". Angela fa tutti gli scongiuri del caso ma nasce una femmina: Emma. Pasquale fugge immediatamente dalle sue responsabilità, lasciando Angela crescere la bambina da sola insieme alla sua famiglia numerosa e sgangherata. I Pipan sono capitanati da un nonno che rimpiange il dominio austriaco, una nonna che prepara le zuppe e quattro zii: uno serio, un playboy e due gemelli diversi che si alternano a fare da babysitter a Emma. Lei sarà la figlia di tutti e di nessuno e crescerà così, libera e anticonformista, come la Trieste in cui vive, in quella terra di confine tra cielo e mare, Italia e Jugoslavia. Fino al giorno in cui deciderà di mettersi sulle tracce di suo padre, e per lui questa sarà l'occasione per rivedere Angela, che non ha mai dimenticato. So che un giorno tornerai è un romanzo sulla ricerca delle nostre origini, la scoperta di chi siamo e la magia degli amori che sanno aspettare. Con ironia e un pizzico di nostalgia, Luca Bianchini ci prende per mano e ci porta a conoscere i sentimenti più nascosti in ognuno di noi, per scoprire che non hanno confini, "da Trieste in giù". Alla fine, ognuno di noi s'innamora di chi ci guarda per un attimo e poi ci sfugge per sempre.


Luca Bianchini – Vita
Nato a Torino e lì per ora dove vive; Frequenta il Liceo scientifico poi si laurea in lettere moderne, ha trascorso un periodo a Londra per migliorare la lingua straniera. Ha svolto le professioni di intervistatore telefonico e redattore filatelico alla Bolaffi Ha lavorato anche come copywriter free-lance, e per diverse agenzie pubblicitarie.Ma fu scoperto da Rosario Fiorello nel programma Viva Radio 2. Grazie a Fiorello ha fatto un provino per la radio, con esito positivo. Dal 12 novembre 2007 Luca Bianchini ha condotto su Rai Radio 2 il programma Colazione da Tiffany. Dal titolo ripreso dal celebre romanzo di Truman Capote del 1958, Colazione da Tiffany si apriva ogni giorno con la lettura di un incipit di un romanzo gradito a Bianchini. Dal 16 giugno 2008 il programma ha cambiato nome in Tiffany e si è spostato nella fascia pomeridiana; Il suo romanzo d'esordio è Instant Love, pubblicato nel 2003 da Mondadori. Nel 2004 pubblica il romanzo Ti seguo ogni notte, Nel novembre 2005 esce il libro Eros - Lo Giuro: biografia ufficiale di E. Ramazzotti; i proventi dell'opera sono stati devoluti alla Lega del Filo d' Oro. Grazie al successo ottenuto con Eros - Lo giuro, che nel 2006 è stato anche tradotto in bulgaro e in tedesco, Bianchini ha potuto perseguire a tempo pieno la carriera di scrittore.  Il 23 gennaio 2007 è stato ripubblicato in edizione "Oscar Bestseller" con l'aggiunta di tre capitoli inediti. Con Se domani farà bel tempo, pubblicato sempre da Mondadori il 17 aprile 2007, Siamo solo amici nel 2011, Io che amo solo te e La cena di Natale' nel 2013 Bianchini ritorna al romanzo. Nel 2015 dal romanzo viene tratto il film Io che amo solo te, con Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, per la regia di Marco ponti. Nel 2015 esce Dimmi che credi al destino, romanzo ambientato a Londra. Il 10 gennaio 2017 esce, sempre per Mondadori, il romanzo Nessuno come noi ambientato a Torino nel 1987, nelle aule di un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese.

Note: preso scontato con il Black Friday di nov. 2018 e arrivato in anticipo di un giorno sulla spedizione insieme ad altri volume

LINK dal Blog suggeriti da Luigia Chianese




Dal BLOG dall’ Etichetta Narrativa Moderna e Contemporanea:

Dal BLOG dall’ Etichetta Video Info Box ... Prossimamente: http://www.librieopinioni.com/search/label/VIDEO%20INFO%20BOX%20...%20PROSSIMAMENTE

Comprare il LINK on-line : https://amzn.to/2PabdM6