martedì 14 luglio 2020

Giorgio Faletti - Io Sono Dio


Giorgio Faletti
Io Sono Dio

Recensione – Opinioni di

Mugnano di Napoli
09.06.2020

 Questo è il 7° libro che leggo di Giorgio Faletti, e premetto che per ora non ho intenzione di leggere il suo libro più famoso ovvero “io uccido”; perché?
Primo perché ho la tendenza a seguire le mie voglie e miei tempi e non la pubblicità e la massa;
Secondo perché amo seguire i miei desideri e soprattutto i miei stati d’animo ed in primis la mia tasca;
Terzo perché praticamente lo conosco già: è stato nell’ ordine: Sputtanato, Spoilerato in ogni minima sequenza, e non hanno scritto recensioni su di esso ma semplicemente variazioni sul riassunto della trama.
Praticamente mi è passata la voglia! A voi non capita?
Tornando a noi, “io sono Dio” dovrebbe essere il 4° libro scritto dell’autore e partiamo subito dalla cosa più evidente: è una storia, un thriller/giallo per l’esattezza, narrato in prima persona nel capitolo iniziale, non è una cosa rara ma neppure all’ ordine del giorno, per me è un punto a suo favore perché, secondo me, è più difficile scrivere un romanzo di questo genere in prima persona, sarebbe stato più piacevole, però, se l’autore avesse continuato così; ma non sto qui a disquisire su questo punto!
Il resto della narrazione, invece, diventa standard, s’abbandona la prima persona e s’inizia anche con l’ andirivieni temporale tra i ricordi.
Il testo supera abbondantemente le 500 pagine, di per sé non è un problema ma in questo libro il problema esiste, e come!  A me, questo racconto, dà l’impressione di essere stato scritto o da tre persone simili o in tre tempi diversi; perché?
La prima parte, circa 200/250 pagine e più, sono di noia mortale, per poco non abbandonavo il libro e lo utilizzavo, per la sua mole, come reggimensola. Amo le super descrizioni, ma se non le sai esporre come Stephen king, A.E.Poe o E. Hemingway meglio levare mano. Faletti, se pur bravo, veramente bravo, come dimostrato in altre opere, non è però di questa levatura, per tanto ho trovato le sue lunghe e continue descrizioni troppo pesanti, certo utili in seguito, ma se avessero avuto, come dire,  un corrimano d’ accompagnamento alla storia centrale, fin dal principio, tali super descrizioni, non sarebbero sembrate troppo isolate e tediose. Troppe parole! Veramente eccessive!
Dalla 240° pagina in poi, poco più e/o poco meno, il thriller/giallo diventa molto interessante. Il ritmo diviene travolgente e la storia, finalmente, cattura. Inizia la suspense! Questo è il classico momento in cui si comincia ad apprezzare il talento dell’ autore e la bellezza del testo, ovvero quando si entra in empatia con i personaggi, quando li s’incoraggia e si freme per loro. (Tifavo per il cattivo, tanto è un libro! Da pagina 265: << Le guerre finiscono. L’odio dura per sempre.>>.). Per la mia sensibilità se si muove qualcosa di bello da dentro lo stomaco del lettore significa che il romanzo c’è. Non me ne vogliate, per me è anche una questione di pancia. (Non a caso sono di corporatura cicciotta!).
Si arriva alla deprimente e sconfortante ultima parte, gli ultimi due o tre capitoli per intenderci, non desidero spoilerare il finale, ma a me provoca un fastidio immenso non aver ricevuto nessun indizio o sentore d’indizio di chi fosse realmente il “cattivo bombarolo”; anche se a metà libro due domande su che fine avesse fatto il ….. e del perché proprio quel …. me le sono poste. A me piace arrivarci da sola, magari sbagliare e restarci di stucco, ma il finale “a sorpresa deludente buttata lì per fare uno scoop” non mi piace e non mi piacerà mai. Sembra che dal thriller passiamo al fantasy? Anche no!  Sarà perché io adoro i “come” ed i “perché” più dei finali.
In questo caso come mi risulta vera l’affermazione a pagina 33:<<La scienza trova sempre il modo per far diventare parte di una statistica la distruzione di una persona in carne e ossa.>>. Lo capirete leggendo il finale!
(È pur vero che io sono quel tipo di persona che spesso non guarda i finali dei film, per noia, o perché “mi basta così” magari perché ho trovato interessante la loro evoluzione per tanto la conclusione diventa … “elementare, Watson” e questo mi si riflette nei libri che leggo, quindi prendetemi con le molle.)
Oltre al finale, in quella che io ho scelto di chiamare la terza parte del libro, esiste una sotto parte alla terza, il dopo finale, il cosiddetto epilogo, in questo caso quella dopo l’ ultimo capitolo, il 36°.
Avete presente il rabbioso silenzio del lettore? Quello che provoca lo stringimento delle labbra in un ghigno malefico e che produce uno sguardo assassino? Quel classico momento che se non fosse per le serate dedicate alla lettura, per i soldi spesi per il libro e per il rispetto della carta, infileresti tutto il librone nel disintegra documenti? Ecco avete presente quella sensazione? Questo è ciò che ho provato leggendo l’ultima parte, soprattutto il primo pezzo dell’ ultima parte, quello in cui la parola viene concessa alla sotto protagonista Sundance. Ho ripreso fiato, e il mio volto è tornato alla quasi normalità, solo quando a parlare è stato un altro sotto personaggio, ovvero l’unico signor Wade (capirete leggendo perché unico).
Mi viene da sorridere perché a questo punto della mia Recensione-Opinione mi sento di riprendere un verso che ho sottolineato a pagina 159:<< L’odio non è più un sentimento. Oramai sta diventando un virus. Quando arriva a infettare l’animo, la mente si perde. E le difese delle persone sono sempre più deboli.>>.
Arrivando alla conclusione la storia funziona ma forse con dettagli più mirati e con meno parole funzionerebbe di più.  L.Ch. 

TRAMA
Io Sono Dio

Ripresa da internet e/o  dalla 4° di copertina:
Non c'è morbosità apparente dietro le azioni del serial killer che tiene in scacco la città di New York. Non sceglie le vittime seguendo complicati percorsi mentali. Non le guarda negli occhi a una a una mentre muoiono, anche perché non avrebbe abbastanza occhi per farlo. Una giovane detective che nasconde i propri drammi personali dietro a una solida immagine e un fotoreporter con un passato discutibile da farsi perdonare sono l'unica speranza di poter fermare uno psicopatico che nemmeno rivendica le proprie azioni. Un uomo che sta compiendo una vendetta terribile per un dolore che affonda le radici in una delle più grandi tragedie americane. Un uomo che dice di essere Dio.

Prima pubblicazione: 2009
Autore: Giorgio Faletti
Altri personaggi: Michael McKean, Jenson Wade, Wendell Bruce Johnson
Ambientazione: New York
  

CENNI SULLA VITA di:

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:
Giorgio Faletti, artista poliedrico, non ha mai smesso di dare prova della sua capacità di spaziare da un campo artistico all’altro. Come comico ha lasciato una forte impronta nel panorama della comicità creando una serie di personaggi indimenticabili protagonisti di alcune fortunate serie televisive come Drive InEmilio e Fantastico 90. Anche come musicista Giorgio Faletti ha ottenuto negli anni numerosi consensi.
Ha cominciato pubblicando in proprio diversi album di successo. Nel 1994, con la canzone  Signor Tenente, si è aggiudicato il secondo posto e il Premio della Critica al Festival di Sanremo. Sono nate in seguito le collaborazioni con alcuni grandi artisti della musica leggera italiana: ha scritto canzoni per Mina, Milva, Gigliola Cinquetti e i versi di due album di Angelo Branduardi, Camminando Camminando e Il dito e la luna. Il 2002 segna l’esordio in campo letterario. Il romanzo Io uccido balza immediatamente al vertice delle classifiche italiane e con oltre 3.500.000 di copie vendute diventa uno dei più clamorosi successi editoriali degli ultimi anni. Nel 2004 esce Niente di vero tranne gli occhi che ne conferma il talento letterario con oltre tre milioni di copie vendute. I suoi libri sono tradotti in 25 lingue e pubblicati con grande successo, oltre che in tutti gli stati d’Europa, anche in Sud America, in Cina, in Giappone, in Russia e a partire dal mese di marzo 2007 negli Stati Uniti e nei paesi di lingua anglosassone. Nel novembre del 2005 Giorgio Faletti ha ricevuto dal Presidente della Repubblica il Premio De Sica per la Letteratura. Nel frattempo non dimentica di essere un attore. Nel 2006 interpreta il prof. Martinelli in Notte prima degli esami, film campione di incassi con oltre 20 milioni di euro al botteghino. La sua interpretazione è stata premiata dalla critica con la nomination al David di Donatello come migliore attore non protagonista. Il suo terzo romanzo, Fuori da un evidente destino ha venduto quasi 2 milioni di copie.  Del 2008 la raccolta di racconti Pochi inutili nascondigli (Baldini Castoldi Dalai) e del 2009 l'audiolibro di uno di questi racconti, Una gomma e una matita (Emons audiolibri) letto da Vinicio Marchioni. Nel 2010 esce Appunti di un venditore di donne (B.C. Dalai editore). Nel 2011 esce Tre atti e due tempi (Einaudi) e nel 2012  Da quando a ora (Einaudi). Giorgio Faletti scompare nel 2014, in seguito a una lunga malattia.  

 Consigliati da


Dall' Etichetta del Blog;






**************************************************************************
Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni
Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER
Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia
#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui
#GiorgioFaletti #MarcelloSimoni #PhysiqueDuRole # Spugnole #Graffiti
#LaRicettaDellaMamma  #LaRagazzaCheGuardavaLacqua #AppuntiDiUnVenditoreDiDonne
#iosonodio #B-Movie #AntropologiaCriminaleLambrosiana #Pseudoscienza
#Horror HorrorPsicologico #DarkFantasy #Mistero #Thriller #Suspense #Giallo
#NarrativaModernaEContemporanea #NarrativaPsicologica #Narrativa
#HardBoiled #PulpFiction  #Fantasy #Noir #Letteratura
**************************************************************************






Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non siate troppo duri con me! Soprattutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!