martedì 1 settembre 2020

Giorgio Faletti - L’ Ospite

Giorgio Faletti  
L’ Ospite

 

Recensione – Opinione di

Luigia Chianese Books Review Blogger

Blog Libri e Opinioni

 

Mugnano di Napoli

22.08.2020

 

L’Ospite, visibile, invisibile, nel ricordo o nella coscienza, nel buono e nel cattivo che è in ogni essere vivente! Ecco chi è L’Ospite di Giorgio Faletti; ogni volta diverso ma sempre con lo stesso fine. La paura, la morte! Il volumetto di appena 117 pagine è composto di due racconti Noir due Thriller Psicologici  Sono narrazioni molto particolari, piccole storie/avventure a cui spesso ci ha abituati l’autore.

Si inizia con “L’ospite d’Onore” , una esposizione piacevole anche se a tratti mi è sembrato più un esercizio di scrittura e/o una bozza di un copione per le battute di un film, sembra scritto da uno sceneggiatore, ma è interessante, infatti come dice a pagina 56: << Poi la vita è vita e, in quanto tale, è un avvenimento a rischio.>>. Ed a rischio è il racconto perché non ha mezze misure o piace o non piace. Da pagina 64: << il giorno in cui il pianto avrà una giustificazione e il dolore una ricompensa.>>.

Già nella seconda pagina del secondo racconto troviamo quest’affermazione molto molto sospetta ed inquietante che ci guiderà sulla strada di questa nuova narrazione, che ci tengo a sottolineare è completamente slegata da “L’ospite d’Onore” in quanto, come vi dicevo in precedenza, l’unico punto in comune è il concetto o meglio la percezione della morte!

L’altro racconto è intitolato “Per Conto Terzi” ed è più psicologico, più Thriller , scava leggermente nel concetto individuale di giustizia e vendetta entrambe motivate dal dolore che si sopporta ma che non passa mai. Da pagina 96: << Se non ha sofferto mi dispiace. Se ha sofferto mi dispiace che non abbia sofferto di più.>>. Un epitaffio di un certo spessore soprattutto se pronunciato da un uomo che viene descritto come persona per bene ma, una tale crudezza, nel fulcro della storia è assolutamente possibile e giustificabile. Il dolore è qualcosa che ti rosicchia l’anima piano piano, con una lentezza tale che ti costringe a sopportarlo fino a quando non trovi un escamotage che ti aiuta ad alleviarlo.

Da pagina 114: << Ci sono cose che arrivano e passano, perché siamo uomini e riusciamo a dimenticare. Ce ne sono altre che non passano mai. Per lo stesso motivo. Perché siamo uomini e non le vogliamo dimenticare.>>.

Ho trovato “Per Conto Terzi” più strutturato, meglio organizzato e decisamente più racconto, con un ritmo di narrazione più delicato. Non scava a fondo nella psiche dei personaggi ma il buon utilizzo della parola basta a far nascere l’empatia verso i personaggi.

Da pagina 115: << E io, se non riesco ad avere giustizia, sono disposto ad accontentarmi della vendetta.>>. L.Ch.

 

TRAMA

L’ Ospite

di Giorgio Faletti

 

 

L'ospite è sempre diverso. È una presenza bizzarra e terrorizzante, dall'espressione imperturbabile, che attraversa la vita di un presentatore ritiratosi all'apice della carriera e quella di un cronista spregiudicato che ha seguito le sue tracce fino ai Caraibi. È un anonimo passeggero sceso da un treno in una stazione di provincia, un uomo che ha negli occhi la determinazione di chi ha compiuto una scelta: non ha scadenze da rispettare, solo un risultato da ottenere. L'ospite può portare a termine una resa dei conti perfetta, oppure essere un mistero tanto spaventoso che nessuno, in realtà, vuole svelare.

«I suoi occhi erano davanti a me, con la stessa nitidezza della prima e unica volta in cui i nostri sguardi si erano incrociati, così vicini da poter distinguere nettamente le sue pupille, nelle quali il colore non era immobile, ma pareva in continuo movimento. Fu come affacciarsi per un attimo sul bordo di un pozzo, nel quale l'acqua che rifletteva la luna non fosse uno specchio piano, ma si muovesse come aspirata da un gorgo».


Editore: Einaudi
Collana: Editore: Einaudi
Collana: Einaudi. Stile libero big
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 19 giugno 2018
Pagine: 117 p., Brossura 

 


CENNI SULLA VITA di:

Giorgio Faletti

 

Ripresa da internet e/o dalla 4° di copertina:

Giorgio Faletti, artista poliedrico, non ha mai smesso di dare prova della sua capacità di spaziare da un campo artistico all’altro. Come comico ha lasciato una forte impronta nel panorama della comicità creando una serie di personaggi indimenticabili protagonisti di alcune fortunate serie televisive come Drive InEmilio e Fantastico 90. Anche come musicista Giorgio Faletti ha ottenuto negli anni numerosi consensi. Ha cominciato pubblicando in proprio diversi album di successo. Nel 1994, con la canzone  Signor Tenente, si è aggiudicato il secondo posto e il Premio della Critica al Festival di Sanremo. Sono nate in seguito le collaborazioni con alcuni grandi artisti della musica leggera italiana: ha scritto canzoni per Mina, Milva, Gigliola Cinquetti e i versi di due album di Angelo Branduardi, Camminando Camminando e Il dito e la luna. Il 2002 segna l’esordio in campo letterario. Il romanzo Io uccido balza immediatamente al vertice delle classifiche italiane e con oltre 3.500.000 di copie vendute diventa uno dei più clamorosi successi editoriali degli ultimi anni. Nel 2004 esce Niente di vero tranne gli occhi che ne conferma il talento letterario con oltre tre milioni di copie vendute. I suoi libri sono tradotti in 25 lingue e pubblicati con grande successo, oltre che in tutti gli stati d’Europa, anche in Sud America, in Cina, in Giappone, in Russia e a partire dal mese di marzo 2007 negli Stati Uniti e nei paesi di lingua anglosassone. Nel novembre del 2005 Giorgio Faletti ha ricevuto dal Presidente della Repubblica il Premio De Sica per la Letteratura. Nel frattempo non dimentica di essere un attore. Nel 2006 interpreta il prof. Martinelli in Notte prima degli esami, film campione di incassi con oltre 20 milioni di euro al botteghino. La sua interpretazione è stata premiata dalla critica con la nomination al David di Donatello come migliore attore non protagonista. Il suo terzo romanzo, Fuori da un evidente destino ha venduto quasi 2 milioni di copie.  Del 2008 la raccolta di racconti Pochi inutili nascondigli (Baldini Castoldi Dalai) e del 2009 l'audiolibro di uno di questi racconti, Una gomma e una matita (Emons audiolibri) letto da Vinicio Marchioni. Nel 2010 esce Appunti di un venditore di donne (B.C. Dalai editore). Nel 2011 esce Tre atti e due tempi (Einaudi) e nel 2012  Da quando a ora (Einaudi). Giorgio Faletti scompare nel 2014, in seguito a una lunga malattia.  

Link nel Blog Libri e Opinioni

 Consigliati da

Luigia Chianese Books Review Blogger

 

Dall' Etichetta del Blog;

Luigia Chianese 
Books Review Blogger 
Blog Libri e Opinioni

 

**********************************

Commenta, Condividi, I Like, Clicca Segui sul Blog Libri e Opinioni

Mi trovi anche su FB – YOUTUBE - INSTAGRAM - TWITTER

Luigia Chianese Books Review Blogger @Librieopinioni @ChianeseLuigia

#LuigiaChianese #LibriEOpinioni #LuigiaChianeseBooksReviewBlogger #FollowMe #Segui

#GiorgioFaletti #MarcelloSimoni #PhysiqueDuRole # Spugnole #Graffiti

#LaRicettaDellaMamma  #LaRagazzaCheGuardavaLacqua #AppuntiDiUnVenditoreDiDonne #iosonodio #LOspite #B-Movie #AntropologiaCriminaleLambrosiana #Pseudoscienza

#Horror HorrorPsicologico #DarkFantasy #Mistero #Thriller #Suspense #Giallo #NarrativaModernaEContemporanea #NarrativaPsicologica #Narrativa #HardBoiled #PulpFiction  #Fantasy #Noir #Letteratura

**********************************

Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non siate troppo duri con me! Soprattutto siate rispettosi educati e civili! Grazie!